Diritto di precedenza su richiesta di trasformazione rapporto di lavoro da partime a tempo pieno

Mi sono rivolta a voi tempo fa e dopo aver preso informazioni certe ho deciso di fare vertenza per la violazione del diritto di precedenza da parte del mio datore di lavoro che alla mia richiesta non solo si è rifiutato ma ha assunto a tempo pieno altri dipendenti. Ma la vertenza non è andata avanti perché il sindacato mi ha riferito che il contratto a noi applicato non prevede né priorità né precedenza. Vi chiedo gentilmente informazioni poiché dove lavoro varie volte ho sentito parlare di precedenza nelle assunzioni il contratto è uneba ma non deve fare riferimento al ccnl? Confido in una vostra risposta.

La generica affermazione che lei asserisce esserle stata riferita dal sindacato, ovvero il contratto a noi applicato non prevede né priorità né precedenza non ci trova d'accordo.

Certamente il sindacato a cui lei si è rivolta conosce meglio di noi il CCNL applicato dal datore di lavoro. Tuttavia, dal momento che lei, in questa occasione, precisa che si tratta del CCNL UNEBA, non posso che ripetere quello che le è già stato risposto dall'Associazione di categoria imprenditoriale (UNEBA - Unione Nazionale Enti di Beneficenza e Assistenza).

L'art. 21 CCNL Uneba (in vigore dall'8 maggio 2013) prevede la priorità del rientro a tempo pieno a favore di coloro che avevano in precedenza concordato il passaggio a part time alle seguenti condizioni:

  1. che ne abbiano fatto richiesta;
  2. che si tratti delle stesse mansioni.

A prescindere dal contratto, tale priorità era comunque prevista dall'art. 44 lettera e) della legge 24 dicembre 2007 n.247 (diritto di precedenza).

Si tratta di un diritto di priorità, non di un diritto puro e semplice. Quindi si può esercitare solo a fronte di una operazione del datore di lavoro di trasformazione o di assunzione.

Come avemmo già modo di precisarle a suo tempo, lei può esercitare questo diritto di precedenza se e solo se il datore di lavoro assume un nuovo soggetto a tempo pieno, affidandogli le medesime mansioni a lei attualmente attribuite con il contratto a tempo parziale.

Non può esercitare il diritto di precedenza e, quindi, rivolgersi al giudice del lavoro, solo e semplicemente in ragione della circostanza che siano stati assunti nuovi dipendenti con contratto a tempo pieno.

22 settembre 2014 · Lilla De Angelis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Trasformazione rapporto di lavoro a tempo parziale - Come si calcola l'anzianità per il trattamento pensionistico
Il lavoro a tempo parziale costituisce un tipo particolare di rapporto lavorativo caratterizzato dalla mera riduzione della normale durata temporale della prestazione. Il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta ...
Rifiuto del lavoratore di passare da tempo pieno a tempo parziale - Non può costituire motivo di licenziamento
La norma nazionale, interpretata alla luce di quella comunitaria, impone di ritenere che il datore di lavoro che licenzi il lavoratore che rifiuta la riduzione di orario ha l'onere di dimostrare che sussistono effettive esigenze economico ­organizzative in base alle quali la prestazione non può essere mantenuta a tempo pieno, ...
Sinistro stradale » Avere la precedenza all'incrocio non esclude la prudenza
In un sinistro stradale, avvenuto presso un incrocio, avere il diritto di precedenza non sempre comporta la ragione ai fini del risarcimento. In tema di circolazione stradale, il diritto di precedenza non esclude il dovere del conducente “favorito” di osservare a sua volta le normali prescrizioni di prudenza e di ...
Mancata conversione del contratto di lavoro a tempo indeterminato - Può essere eccepita a distanza di anni
Il lavoratore che voglia contestare l'illegittimità di un contratto a termine, per violazione delle disposizioni che individuano le ipotesi in cui è dovuta l'assunzione a tempo determinato, e che sia interessato alla eventuale conversione ex-lege del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, può agire in giudizio anche dopo anni di ...
Una volta raggiunta l'indipendenza economica, il figlio maggiorenne, che perde il posto di lavoro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento
Una volta raggiunta la capacità lavorativa, e quindi l'indipendenza economica, la successiva perdita dell'occupazione non comporta la reviviscenza dell'obbligo del genitore al mantenimento dei figli maggiorenni. Si tratta del principio di diritto enunciato, nella sentenza 6509/2017, dai giudici della Suprema Corte di cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di una ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca