Padre non convivente con neonata divorziato da persona diversa dalla madre della neonata - Come faccio a sapere se ho diritto al bonus bebé?

Salve, mia figlia è nata 2 mesi fa, vorrei fare domanda per il bonus bebè ma prima devo presentare la nuova DSU. Vivo col mio partner che è divorziato e con 2 figli, paga gli alimenti e i suoi figli vivono con noi per metà della settimana. Io e il mio partner abbiamo residenze diverse.

Inoltre sono intestataria di 2 immobili. Ho un normale stipendio da insegnante statale supplente (19.000 euro lordi). Il mio compagno è amministratore delegato di una piccola azienda.

Pensa che la mia DSU possa essere inferiore ai 25.000 euro?

Il suo nucleo familiare, da indicare nella Dichiarazione sostitutiva Unica (DSU) per determinare l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) minorenni, finalizzato a stabilire il diritto a fruire del bonus bebé, è costituito esclusivamente da madre, neonata ed eventualmente, dagli altri componenti presenti nella famiglia anagrafica della neonata, cioè registrati nello stesso stato di famiglia.

L'ISEE minorenni terrà conto della situazione economica del padre, divorziato con figli (avuti da donna diversa dalla genitrice della neonata) e non convivente con la neonata, attraverso una particolarità di calcolo dell'ISEE minorenni. In tale situazione, infatti, rileva la situazione economica del genitore non convivente del minorenne, non già come se fosse componente del nucleo familiare della neonata, ma con il meccanismo della componente aggiuntiva.

Il calcolo dell'ISEE, come abbiamo avuto modo di esporre, si presenta abbastanza articolato e complesso: il suggerimento, pertanto, è quello di recarsi ad un CAF e chiedere una simulazione finalizzata a verificare il diritto a fruire del bonus bebé.

29 gennaio 2018 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

bonus bebè

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non sempre chi convive more uxorio con la madre di persona deceduta per colpa altrui ha diritto al risarcimento del danno non patrimoniale sofferto in conseguenza del decesso
Non sempre la persona che convive more uxorio con la madre di persona deceduta per colpa altrui ha diritto al risarcimento del danno non patrimoniale sofferto in conseguenza del decesso. Infatti, sebbene possa in teoria ammettersi che tra il figlio d'una donna che abbia una relazione more uxorio e il ...
Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali estende il bonus bebé anche ai familiari extracomunitari di cittadini UE - Per fruire del bonus bebé è sufficiente che siano in possesso di un permesso di soggiorno
Com'è noto, nell'ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie la legge di stabilità per il 2015 ha previsto, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, un assegno annuo di importo pari a 960 euro (bonus bebé) da ...
Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Il convivente more uxorio affidatario dei figli avuti con il proprietario ha diritto ad opporsi alla vendita della casa familiare ed ottenere la revocatoria dell'atto
In tema di famiglia di fatto e nella ipotesi di cessazione della convivenza more uxorio, l'attribuzione giudiziale del diritto di continuare ad abitare nella casa familiare al convivente, cui sono affidati i figli minorenni o che conviva con figli maggiorenni non ancora economicamente autosufficienti (per motivi indipendenti dalla loro volontà), ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca