Conteggi errati nelle bollette a causa dei consumi presunti e successivi rimborsi ai consumatori – Arera e Guardia di Finanza promettono maggiori controlli

Mi capita sempre più spesso di dover reclamare con la compagnia che mi fornisce la luce per consumi presunti errati: la stragrande maggioranza delle volte vengo successivamente rimborsato ma comunque ciò mi porta via un sacco di tempo.

Invece di costringere gli utenti a controllare ogni volta per evitare di essere fregati, non sarebbe più semplice controllare meglio i consumi effettivi?

Insomma, è una vergogna!

Soltanto nell’ultimo anno, conti alla mano, sono ben 260 i milioni di euro illegittimamente calcolati e pretesi dalle società di gestione dell’energia e regolarmente pagati dai clienti, che successivamente, ma non sempre, sono stati rimborsati.

Insomma, un vero e proprio illecito su cui è intervenuta la Guardia di finanza in collaborazione con l’Arera, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente.

Premettendo che sono in corso le procedure per la restituzione attraverso riduzioni tariffarie, occorre adesso scoprire come fare a ottenere il rimborso e qual è la procedura da seguire.

È interessante scoprire in che modo le società di gestione delle energia hanno preteso costi aggiuntivi addebitati nelle bollette di luce e gas perché si ottengono riscontri ai sospetti.

Si va da investimenti inesistenti ai presunti interventi di odorizzazione del gas affinché gli utenti possano percepirlo in caso di fughe alla non conformità alle norme – parole testuale dei militari delle Fiamme gialle e del personale dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente – che regolano il pronto intervento in caso di segnalazioni e necessità di revisione delle procedure di sicurezza di diverse piccole imprese di distribuzione elettrica.

Arera e Guardia di Finanza promette adesso controlli più stretti, anche per evitare i costi degli aumenti illegittimi ricadano sui consumatori finali

A essere coinvolti sono anche le società per la produzione dell’energia elettrica, quelle incaricate dell’acquisto e della vendita all’ingrosso del gas naturale, della distribuzione, misura e vendita di altri gas a mezzo di reti.

Ma anche gli enti che si occupano di potabilizzazione dell’acqua, vendita di acqua all’ingrosso, distribuzione e vendita di acqua agli utenti finali, fognatura nera e mista, vendita all’ingrosso dello stesso servizio e raccolta e allontanamento delle acque meteoriche e di drenaggio urbano.

Laddove non automatica, la procedura per ottenere il rimborso di quanto legittimamente pagato con le bollette di luce e gas passa per l’invio del reclamo ai gestori attraverso una raccomandata con ricevuta di ritorno o via Pec poiché ha lo stesso valore legale.

Nel caso di mancate risposte può rivolgersi direttamente all’Arera, protagonista di questa attività di smascheramento, con l’avvio della procedura di conciliazione.

Altrimenti occorre presentare reclamo a una Camera di commercio convenzionata o ad altri mediatori autorizzati.

La strada finale per cercare di fare valere le proprie ragioni e ottenere il rimborso sperato è quella del ricorso al Giudice di Pace.

Il tutto ricordando che con la sparizione del mercato tutelato, prevista nel mese di luglio del prossimo anno, prende il posto del giudice amministrativo diventando un ente risolutivo con la stessa Autorità di regolazione per l’energia, le reti e l’ambiente per la decisione finale.

16 Aprile 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Consumi presunti in bollette luce e gas - L'antitrust castiga ACEA, ENEL, ENI ed EDISON
Per migliaia di clienti di ACEA, ENEL, ENI ed EDISON, la fatturazione di gas ed energia elettrica è avvenuta in assenza di dati di misura reale e per estesi periodi di consumo: sono stati utilizzati algoritmi di calcolo che hanno determinato stime errate, con la conseguente, reiterata emissione di fatture in acconto o comunque significativamente difformi dagli standard di consumo degli utenti. In presenza di reclami o richieste di verifica e delucidazioni (scritte e orali) degli utenti sulla non correttezza o anomalia degli importi fatturati, ACEA, ENEL, ENI ed EDISON hanno avviato o proseguito l'azione volta a riscuotere tali somme, ...

ENI - addebito consumi presunti e mai consumati
Il 25 luglio 2013 abbiamo lasciato un appartamento in Roma per un altro, dando regolare disdetta presso l'energy store di ENI a Spinaceto RM Per la luce tutto OK, ma per il gas necessitava che un loro incaricato verificassi la lettura finale. Dopo due appuntamenti andati a vuoto non avevamo più accesso all'appartamento. ENI regolarmente, pur specificando in bolletta la n/s lettura finale, con la data, continuava ad emettere consumi presunti, nonostante telefonate ed anche una raccomanda A/R. Dopo aver addebitato €166 per i consumi presunti, hanno riconosciuto la cessione come da noi dichiarata, facendo bolletta €0 come conguaglio. Ora ...

Bollette pazze inviate ai consumatori: il fenomeno non si arresta - Come ottenere rimborsi?
Nonostante il tentativo di arginare il fenomeno da parte delle istituzioni, ho continuato a ricevere bollette pazze dal mio fornitore di energia: ogni volta devo perdere tempo e denaro per dimostrare l'errore da parte dell'operatore. Come mai questa prassi non si ferma? E' possibile ottenere rimborsi? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conteggi errati nelle bollette a causa dei consumi presunti e successivi rimborsi ai consumatori – Arera e Guardia di Finanza promettono maggiori controlli