Condanna a spese di giudizio per una causa persa contro l’INPS – Posso ottenere la rateizzazione del debito?

Ho ricevuto dall’avvocato del CAF una lettera che spiegava che dovevo pagare le spese processuali di una causa che mio marito aveva avviato verso l’INPS per avere un assegno di invalidità visto che ha chiuso la sua attività per problemi di salute. Ha fatto ricorso ma nulla, e così mi è arrivata dal tribunale del lavoro la condanna al risarcimento per mancata dichiarazione dei redditi. Volevo sapere se mio marito essendo disoccupato e ha carico due figlie minori e moglie compresa, può chiedere la rrateizzazione della condanna dovuta all’Inps e se non si può fare possono loro con un debito dovuto di 2,500 euro pignorarmi l’unica casa che abbiamo?

Un disoccupato nullatenente non ha nulla da temere da azioni di riscossione coattiva per il rimborso delle spese di giustizia, eventualmente avviate dallo Stato.

Il massimo che possono fare al debitore è disporre il fermo amministrativo su un veicolo di proprietà, o pignorargli i pochi risparmi eventualmente depositati in conto corrente. Ad entrambe le situazioni si può porre facilmente rimedio con intestazioni fittizie.

Se proprio vuole, potrà chiedere la rateazione del debito al creditore (INPS) notificato) o, in caso di diniego, attendere la cartella esattoriale per rateizzarla con Agenzia Entrate riscossione.

23 Gennaio 2018 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo per una causa persa ma non ho soldi - Posso accedere alle procedure di sovraindebitamento?
Ho perso una causa per decreto ingiuntivo con una finanziaria a cui dovrei dare circa 30 mila euro (21 mila circa in solido a me e mia moglie ed il residuo solo a me) Purtroppo nel 2012 non ho più svolto trasferte per l'azienda privata per cui lavoro per cui non ho potuto onorare gli impegni presi con questa e con altre finanziarie fino a quel momento pagate puntualmente. Ho inviato raccomandata a tutte per poter momentaneamente avere ridotti gli importi da pagare ma nessuna ha risposto per cui non ho più pagato. Con sentenza emessa un paio di giorni ...

Risarcimento danni » nel giudizio civile è vincolante la sentenza penale di condanna
Nel giudizio civile di risarcimento danni è vincolante la sentenza penale di condanna. La sentenza del giudice penale, che pronunci condanna definitiva dell'imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile, demandando la liquidazione ad un successivo e separato giudizio, ha effetto vincolante, in sede civile, in ordine all'affermata responsabilità dell'imputato. Questi non potrà contestare la condanna al risarcimento, ma solo l'esistenza e l'entità del pregiudizio risarcibile. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione 23633/14. Da quanto si apprende nella pronuncia appena riportata, in tema di risarcimento danni, non si può più contestare davanti al giudice civile ...

Acquisto prima casa dopo sentenza di condanna
Dopo una sentenza di condanna a seguito di risarcimento danno per incidente stradale, ho preferito fare con mia moglie la separazione dei beni. Mi chiedevo acquistando solo mia moglie la prima casa con mutuo intestato sempre a lei (io figurerei solo come garante). Un domani non essendo trascorsi gli effettivi 5 anni dalla registrazione della separazione dei beni, i miei creditori potrebbero impugnare la causa per far valere la condanna, attenendosi alla revocatoria o simulazione di separazione? Anche se mutuo e casa sarebbero intestati solo a mia moglie? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Condanna a spese di giudizio per una causa persa contro l’INPS – Posso ottenere la rateizzazione del debito?