Comodato d’uso gratuito e trasferimento di residenza – Obbligo di registrazione del titolo di detenzione per poter occupare legittimamente l’unità abitativa, intestazione dei contratti di fornitura di acqua luce gas e connessione fonia/dati » Dichiarazione di prima occupazione ai fini TARI


Tra poco trasferirò la residenza in un appartamento di un mio cugino che risiede altrove e che gentilmente mi sta concedendo in comodato d’uso gratuito verbale non registrato. Ho un dubbio circa l’intestazione delle utenze: dato che al momento le bollette sono chiaramente intestate a nome suo, è obbligatorio fare il cambio di intestazione o possono continuare ad essere a nome suo anche se poi le pagherò io come giusto che sia? In particolare parlo di TARI e ACQUA. Al comune ho chiesto ma mi è stato detto che devo cambiarle, altri mi hanno detto che non è necessario. Volevo un chiarimento.

Al comune mi è stato anche detto che è possibile ricorrere al comodato d’uso gratuito verbale non registrato, tanto è vero che mi hanno detto che devo recarmi all’ufficio anagrafe con mio cugino il quale dovrà compilare un modulo nel quale esprime il suo consenso “a mettermi a disposizione mediante comodato d’uso gratuito stipulato in forma verbale non registrato” il suo immobile. Anche a livello normativo ho letto che è possibile sottoscrivere un contratto di comodato d’uso gratuito verbalmente non registrato.

Dal momento che l’unità abitativa non è occupata anagraficamente dal proprietario (che risiede altrove) o da altri, il soggetto che intende trasferirvi la residenza deve detenere un titolo registrato presso l’Agenzia delle Entrate (locazione, usufrutto, diritto di abitazione, comodato d’uso), che andrà allegato al modulo di richiesta del trasferimento di residenza: dopodiché, non sarà necessario modificare l’intestazione dei contratti di fornitura di luce, acqua, gas e e connessione fonia/dati (che potranno restare intestati al nudo proprietario dell’immobile), ma il soggetto intestatario del contratto di comodato d’uso registrato, in base al quale è stata ottenuta la residenza nell’unità abitativa, deve presentare la denuncia di prima occupazione al Comune di residenza, obbligandosi ai fini TARI.

Sicuramente a livello normativo è possibile sottoscrivere un contratto di comodato d’uso verbale, che va comunque registrato all’Agenzia delle Entrate se enunciato in un altro atto sottoposto a registrazione (come dovrebbe essere la formazione della scheda anagrafica). Tuttavia, se al Comune dove andrà a risiedere, è sufficiente la dichiarazione dell’altro contraente proprietario (ma non residente nell’appartamento), tanto meglio. Al Comune di Roma, invece, per poter occupare l’appartamento è necessario un contratto di comodato d’uso registrato, come risulta dall’apposito modulo, conforme a quello nazionale fornito dal Ministero dell’Interno, da compilare per il trasferimento di residenza (si consulti l’allegato 1, pagina 4, punto 4).

Restiamo, comunque, dell’avviso che non sia necessario modificare le intestazioni dei contratti di fornitura delle utenze domestiche e che il detentore del contratto di comodato d’uso, verbale o scritto, registrato o non registrato, sia tenuto a presentare la dichiarazione di prima occupazione ai fini TARI.

31 Maggio 2022 · Roberto Petrella



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Comodato d’uso gratuito e trasferimento di residenza – Obbligo di registrazione del titolo di detenzione per poter occupare legittimamente l’unità abitativa, intestazione dei contratti di fornitura di acqua luce gas e connessione fonia/dati » Dichiarazione di prima occupazione ai fini TARI