Per sottoscrivere i contratti di fornitura di luce acqua e gas bisogna avere titolo (proprietà, locazione, usufrutto eccetera) per occupare l’unità abitativa


Io e il mio fidanzato andremo a convivere: il contratto di affitto verrà intestato solo a me e quando andremo a dichiarare la residenza volevamo dichiarare anche la nostra convivenza di fatto. Il proprietario è d’accordo. Pensavamo di intestare le utenze a vicenda, es: lui luce e gas, io acqua ecc. È possibile visto che nel contratto di affitto c’è solo la mia firma? Inoltre nelle varie utenze ho letto che bisogna dichiarare a quale titolo avviene l’intestazione, quindi mi chiedo a quale titolo lui dovrebbe identificarsi? È possibile o devo intestarmi tutto io? Grazie

Chi sottoscrive i contratti di fornitura di acqua, luce e gas, deve dichiarare di essere il proprietario dell’appartamento oppure il titolare del contratto di locazione, oppure detenere il diritto di usufrutto, il diritto di abitazione o il comodato d’uso.

In altre parole, il fornitore è tenuto per legge a verificare a quale titolo il cliente richiede l’attivazione, la voltura o il subentro di luce, acqua e gas in quell’abitazione ai sensi della legge 80/2014.

Attenzione, dichiarando la volontà di dar vita ad una famiglia di fatto la coppia verrà inserita in un unico stato di famiglia, il nucleo familiare ai fini ISEE sarà unico ed al calcolo dell’ISEE contribuiranno i redditi ed i patrimoni di entrambi i componenti della coppia di fatto. In sostanza, se uno dei due elementi è disoccupato e nullatenente, non potrà chiedere il reddito di cittadinanza.

1 Febbraio 2022 · Genny Manfredi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Per sottoscrivere i contratti di fornitura di luce acqua e gas bisogna avere titolo (proprietà, locazione, usufrutto eccetera) per occupare l’unità abitativa