Chiudo l'attività lasciando assegni e prestiti che non potrò onorare - Se trovassi lavoro da dipendente quanto potrebbero pignorarmi?

Alla fine di questo mese dopo 10 anni, purtroppo, sono costretto a chiudere la mia attività: ho assegni in scadenza fino a dicembre per un importo totale di circa 6000 euro e due rate di finanziamento, una di 430 euro e l'altra di 110 euro fino a questo mese pagati.

Ho già contattato chi ha gli assegni spiegando la situazione, ma come potete immaginare non se ne fregano nulla: io e mia moglie non abbiamo nulla intestato tranne lei una lancia y del 2003 e io gli elettrodomestici in casa.

Abitiamo in un appartamento di proprietà di mia madre, in più il commercialista mi ha già avvisato che a breve si farà sotto anche Equitalia.

Ma io non ho un reddito e non ho lavoro, e se lo trovassi quanto potrebbero pignorarmi?

Paradossalmente, potrà stare (finalmente) tranquillo, essendo un nullatenente: nel caso in cui dovesse trovare occupazione come lavoratore dipendente, cosa che le auguro, il suo stipendio potrà essere pignorato, al massimo, di un 20% per tutti i debiti derivanti dagli assegni non onorati e dalle finanziarie non rimborsate e di un un 10% da Equitalia, se lo stipendio non supererà i 2 mila e cinquecento euro.

Insomma, se proprio le dovesse andare male, si vedrà decurtato lo stipendio di un 30% al massimo, anche se tutti i creditori (Equitalia compresa) decidessero, insieme e nello stesso momento, di procedere giudizialmente nei suoi confronti.

12 ottobre 2016 · Ornella De Bellis

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

ho debiti ma sono nullatenente

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca