Separazione dei beni

io e mia moglie siamo in separazione dei beni e lei è intestataria della casa. Io dipendente non ancora a tempo indeterminato e lei casalinga. questo mese siamo sotto con la banca dove abbiamo c/c cointestato di €4000: €1000 di fido-scoperto già "consumato" e l'addebito andato insoluto di €3000 (€1500 carta di credito a saldo intestata a me e €1500 carta di credito a saldo intestata a lei). Avendo altri debiti e non volendone fare più in questo caso sarei "tentato" di richiedere un prestito tramite mio suocero (a me non lo fanno, sono cattivo pagatore) per ritornare in positivo almeno con la banca. Dico questo perchè ho sentito dire che con le banche è più difficile trovare un accordo stragiudiziale a differenza delle finanziarie e che le banche più facilmente arrivano al pignoramento sulla casa. Mi dia lei un cosiglio se è probabile questo che possa succedere tenendo conto che il conto appunto è cointestato e c'è l'insoluto come detto delle carte di cui una intestata a mia moglie intestataria della casa.

Quel che afferma è più o meno giusto, ma merita una precisazione, la banca, o una finanziaria, sono più pericolose di una società di recupero crediti quando ci sono garanzie come proprietà ipotecabili o fideiussioni prestate da terzi.

In queste condizioni (quando c'è qualcosa da mungere) il credito difficilmente viene ceduto a società di recupero crediti (cosa che permetterebbe di addivenire ad un concordato stragiudiziale con forte sconto). Più verosimilmente il credito viene affidato in gestione.

Per sua fortuna, siamo ancora molto lontani da importi che possano giustificare una qualsiasi azione di escussione coattiva esercitata attraverso pignoramento ed espropriazione della casa, sia da una finanziaria che da una banca. C'è comunque la possibilità di iscrizione ipotecaria con aggravio di spese per il debitore.

Le suggerisco, dunque, di rientrare al più presto dall'esposizione debitoria con la banca. Anche ricorrendo all'aiuto a suo suocero. Che potrebbe poi rimborsare appena le condizioni di lavoro le consentiranno di accedere ad una cessione del quinto dello stipendio.

14 settembre 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - quando uno solo dei cointestatari è debitore
Molto spesso la banca, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto cointestato al debitore sottoposto ad esecuzione. Ma, il pignoramento sulle somme depositate in un conto corrente bancario cointestato al debitore e ad una persona estranea all'obbligazione, ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Consentire lo svuotamento del conto da parte di uno dei cointestatari può costare caro alla banca
In tema di responsabilità della banca rispetto alla abusiva gestione, da parte di uno dei cointestatari a danno dell'altro, di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, l'ABF ha attribuito rilievo, ai fini dell'obbigo di restituzione imposto alla banca delle somme prelevate, alla circostanza che il prelievo da un conto ...
L'ABF ci ripensa » In caso di conto corrente cointestato e pignoramento dell'intero saldo su azione esecutiva promossa verso uno dei cointestatari, il correntista non debitore deve rivolgersi al giudice dell'esecuzione per liberare la propria quota
Il collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 8227/15, ha in parte modificato l'orientamento precedentemente assunto dai collegi di Milano e Napoli (fra le altre vedasi la decisione 740/13) in tema di pignoramento di un conto corrente cointestato in seguito all'azione esecutiva promossa dal creditore nei confronti di ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca