Bonus ristrutturazione 2023 – Come fruirne


Anche per il 2023 è in vigore il bonus ristrutturazione edilizia, la cui scadenza al momento è fissata al 31 dicembre 2024.

Vorrei sapere come accedere e fruire del bonus ristrutturazione edilizia previsto per il 2023 e, soprattutto, quali interventi sono ammessi in questo ambito.

Vi è possibile chiarire?

Anche per il 2023 è in vigore il bonus ristrutturazione edilizia, la cui scadenza al momento è fissata al 31 dicembre 2024: nell’ultima manovra non sono state inserite novità dunque il meccanismo rimane uguale agli anni scorsi, detrazione fiscale al 50% fino alla soglia di 96mila euro per i lavori di riqualificazione edilizia e manutenzione straordinaria e ordinaria.

Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Chi fa lavori di ristrutturazione in casa può accedere a una detrazione fiscale pari al 50% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 96mila euro. Anche nel 2023 si può usufruire del bonus in tre modi: detrazione, cessione del credito a terzi oppure scontro in fattura.

Tra l’altro per accedere al bonus mobili ed elettrodomestici è necessario aver fatto lavori di ristrutturazione quindi i due incentivi sono legati.

Se si sceglie la detrazione, questa viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Il rimborso della metà delle spese sostenute, o di una parte in caso di superamento del limite, avviene con la compilazione della dichiarazione dei redditi, o con il 730 o con il modello Redditi Persone Fisiche.

Importante la data del 16 marzo dell’anno successivo a quello dello svolgimento dei lavori e del sostenimento delle spese.

Ad esempio, per le spese sostenute nel 2022 la scadenza per l’invio della comunicazione è fissato al 16 marzo 2023.

Per le spese sostenute nel 2023 il termine è il 16 marzo 2024. Per cessione del credito e sconto in fattura resta l’obbligo del visto di conformità e dell’attestazione di congruità dei prezzi.

A fini fiscali bisogna conservare una serie di documenti: domanda di accatastamento, ricevute di pagamento dell’imposta comunale Ici/Imu, delibera dell’assemblea per l’esecuzione dei lavori (per le parti comuni degli edifici residenziali) e tabella della ripartizione delle spese, dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori.

E ancora concessioni, autorizzazioni o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà con la data di inizio dei lavori e la compatibilità con le spese ammesse.

Come gli anni scorsi, il bonus può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento delle imposte sui redditi.

Ne hanno diritto i proprietari o i nudi proprietari, i titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie), i locatari e comodatari, i soci di cooperative, gli imprenditori individuali (per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce), coloro che producono redditi in forma associata (anche in questo caso per immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce).

Hanno diritto al bonus anche i futuri proprietari dell’abitazione oggetto della ristrutturazione, a patto che siano in possesso dell’immobile, eseguano i lavori a proprio carico e abbiano registrato il compromesso.

L’agevolazione è ammessa per lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali.

Oppure per lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze.

Tra i lavori nella categoria di riqualificazione ci sono: installazione di ascensori e scale di sicurezza; realizzazione e miglioramento di servizi igienici; sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande; rifacimento o costruzione di scale e rampe; interventi finalizzati al risparmio energetico; interventi di bonifica dall’amianto; opere per evitare infortuni domestici e eliminazione delle barriere architettoniche; interventi finalizzati alla cablatura degli edifici; installazione di apparecchi di rilevazione di gas.

Rientrano quindi nel bonus ristrutturazione anche lavori di manutenzione ordinaria come quelli per aprire una nuova finestra. Per gli interventi sul risparmio energetico è obbligatorio presentare la comunicazione all’Enea entro 90 giorni dalla data di conclusione dei lavori.

Infine bisogna ricordare che il bonus vale anche gli interventi eseguiti in proprio: si ha diritto alla detrazione del 50% delle spese per i materiali.

18 Gennaio 2023 · Gennaro Andele

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Bonus ristrutturazione 2023 – Come fruirne. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.