Bonus idrico – Ultimo giorno (30 giugno 2022) per la domanda: le cose da sapere


Scade il tempo massimo per poter presentare le domande per il bonus idrico, in relazione alle spese sostenute lo scorso anno - Le cose da sapere

Vorrei cambiare i miscelatori dei mie bagni ed ho saputo che è possibile fruire del bonus idrico per questo tipo di interventi e riuscire a risparmiare qualcosa.

Quando e come fare?

Scade il tempo massimo per poter presentare le domande per il bonus idrico, in relazione alle spese sostenute lo scorso anno: le richieste vanno inoltrate sul portale del Ministero della Transizione Ecologica dedicato alla misura entro la mezzanotte di oggi, 30 Giugno 2022.

Il bonus idrico va a coprire, fino a un massimo di mille euro, le spese sostenute per l’installazione di strumenti che favoriscono “il risparmio d’acqua”.

Gli interventi devono essere stati effettuati tra il 1°gennaio e il 31 dicembre 2021. Per poter richiedere l’aiuto, le spese devono essere documentate.

Nello specifico, nell’ambito del bonus rientrano: la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, comprese le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

E ancora: la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto.

Anche in questi casi sono comprese le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

I beneficiari sono le persone fisiche, che risultano essere residenti in Italia.

Una volta connessi al portale, è necessario autenticarsi tramite Spid oppure Cie (carta d’identità elettronica). Poi si potrà completare la procedura di domanda, allegando la documentazione richiesta.

I dati da inserire includono, tra le altre cose, nome, cognome e codice fiscale del beneficiario, l’importo della spesa sostenuta per gli interventi e le caratteristiche tecniche di quanto installato, per verificare che effettivamente comporti un risparmio d’acqua.

E ancora, le informazioni catastali dell’immobile interessato dai lavori, le coordinate bancarie del beneficiario e gli eventuali cointestatari o locatari dell’immobile.

La domanda può essere rigettata nel caso in cui si presentino informazioni inesatte o incomplete. Il bonus non è cumulabile con altre agevolazioni che vanno a coprire le stesse spese.

30 Giugno 2022 · Gennaro Andele

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 243 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Bonus idrico – Ultimo giorno (30 giugno 2022) per la domanda: le cose da sapere. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.