Bonus decoder DVTB-2 – Perchè solo 30 euro?


Mi sono recato da Mediaworld per acquistare un decoder tv al prezzo di 50 euro per l’avvento del nuovo digitale terrestre: dopo aver compilato i moduli, però, con mia sorpresa mi è stata chiesta di pagare la differenza di 20 euro poiché, a dire dell’impiegata, il bonus è sceso da 50 a 30 euro.

E’ vero o si tratta di una truffa?

Dal 23 agosto 2021 l’importo per ottenere l’incentivo all’acquisto di un decoder per il DVBT-2 è sceso da 50 a 30 euro, a causa dell’insufficienza di fondi stanziati: la decisione di far scendere l’importo è stata presa direttamente dal Ministero dello Sviluppo Economico, che ritiene sufficienti 30 euro per soddisfare l’acquisto di un nuovo ricevitore.

La decurtazione dell’importo è stata resa ufficiale con la pubblicazione del Decreto del MISE del 7 agosto 2021 che, nelle premesse, non lascia spazio a interpretazioni: ritenuto, in ragione dell’estensione della platea dei beneficiari e della tendenziale diminuzione dei prezzi, di dover rimodulare l’ammontare dei contributi di cui al decreto ministeriale del 18 ottobre 2019, riducendolo a 30,00 euro o al minor valore pari al prezzo di vendita se inferiore.

Per ottenere il bonus decoder bisognerà aver presentato la dichiarazione sostitutiva unica e quindi avere un ISEE di non oltre 20.000 euro.

L’utilizzo è singolo, si riferisce al nucleo familiare e permette l’acquisto di un solo apparecchio.

Si possono comprare decoder di nuova generazione con ricevitori dvb-t2 con codifica hevc main 10.

Se le specifiche sono compatibili con questi standard è possibile acquistare anche televisioni.

La richiesta va consegnata al negozio, che provvederà a comunicarla al MISE.

2 Settembre 2021 · Gennaro Andele



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?