Bollette a 28 giorni – La Cassazione boccia il ricorso delle grandi aziende

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Vorrei sapere cosa è stato deciso, in via definitiva, riguardo la telenovela delle bollette a 28 giorni, imposte qualche anno fa dalle grandi aziende telefoniche.

Novità?

Il tema è l’annosa questione delle bollette a 28 giorni sulla quale è arrivata la parola fine: la Corte di Cassazione ha giudicato inammissibile il ricorso di Fastweb per “eccesso di potere” contro la sentenza del Consiglio di Stato sulla fatturazione a quattro settimane.

No definitivo, dunque, alle bollette a 28 giorni. Il 7 febbraio 2020 l’organo aveva respinto l’appello dell’azienda contro il Tar del Lazio.

Il tribunale aveva confermato con più sentenze la multa dell’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) di 1,16 miliardi di euro per il mancato rispetto delle norme sulla cadenza mensile del rinnovo delle offerte per la telefonia fissa e per quella fisso-mobile. Sanzioni che avevano colpito anche Tim, Wind 3 e Vodafone.

“Il giudice amministrativo si è attenuto al compito interpretativo che gli è proprio”. Secondo i giudici supremi, a sezioni unite, non si ravvisa “alcun radicale stravolgimento delle norme di riferimento tali da ridondare in denegata giustizia”. Confermata quindi la legittimità dell’intervento di Agcom contro l’aumento tariffario dell’8,6%, considerato “pregiudizievole per l’utenza”, perché ottenuto con la riduzione a 4 settimane del periodo di fatturazione delle offerte.

Il 23 giugno 2017 l’Autorità aveva imposto a diverse compagnie, tra le quali Fastweb, di ritornare al rinnovo mensile dei servizi, oItre a condannarle al pagamento di una multa.

“L’esercizio da parte dell’Agcom dei propri poteri regolatori” opera, secondo la sentenza, “su un piano diverso e ‘parallelo’ rispetto alla tutela civilistica apprestata dal codice civile e dal codice del consumo, cui si aggiunge, senza escluderle”.

Decisione accolta con soddisfazione dalle associazioni. Per il presidente Carlo Rienzi, si tratta di “un’importante vittoria per il Codacons e per tutti gli utenti italiani della telefonia”. Adesso Fastweb, per effetto della decisione della Cassazione, dovrà anche risarcire l’associazione con 10.200 euro”.

“Si tratta dell’ennesima vittoria contro le compagnie telefoniche che continuano a cercare cavilli legali inutili e pretestuosi – sottolinea anche il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona – per arrampicarsi sugli specchi pur di poter fare i loro comodi in barba a quanto hanno deciso le Authority”. Ad oggi però nessuna compagnia ha restituito il maltolto ai consumatori, incalza Dona.

8 Settembre 2022 · Gennaro Andele



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bollette a 28 giorni – La Cassazione boccia il ricorso delle grandi aziende





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!