Bollette a 28 giorni ingiustamente emesse dalle compagnie di telefonia mobile – Il Tar finalmente conferma la multa a Vodafone

Ho letto molto, sia sul vostro blog che altrove, della questione infinita delle bollette della telefonia mobile, che da mensile passarono a ventotto giorni per poi tornare a regime normale: dopo tanto tempo, i promessi rimborsi non sono ancora arrivati, però.

Inoltre, mi risulta che le multe alle compagnie siano ancora sospese.

Insomma, è tutto fermo?

Dopo mesi di agonia ed infiniti tira e molla e scaricabarile, alla fine, Il Tar del Lazio ha confermato la sanzione inflitta nel 2016 dall’Antitrust a Vodafone Italia per due pratiche commerciali ritenute scorrette e riferite al tema della rimodulazione di piani tariffari da 30 a 28 giorni.

Come ampiamente noto, nei mesi di marzo e maggio 2016, Vodafone avviò la rimodulazione dei piani tariffari offerti ai propri clienti di telefonia mobile e di telefonia fissa, prevedendo la riduzione del periodo di rinnovo da 30 giorni a 4 settimane, comunicando tale volontà ai clienti e dando loro la possibilità di recedere dal contratto.

In tale comunicazione, però, ai clienti che, in abbinamento al servizio di telefonia mobile avevano acquistato un prodotto, Vodafone ricordava che se avessero deciso di recedere avrebbero pagato, a seconda dell’offerta, le eventuali rate residue e ai consumatori che al momento dell’attivazione del servizio di telefonia mobile avevano ottenuto uno sconto legato ad una permanenza minima contrattuale, veniva ricordato che, qualora avessero esercitato il diritto di recesso prima della scadenza del vincolo contrattuale, avrebbero dovuto versare il corrispettivo di recesso anticipato previsto dalle condizioni generali di contratto.

L’Antitrust avviò un procedimento istruttorio, concluso con la sanzione, poi impugnata.

Per il Tar, però, ha ragione l’Antitrust nel ritenere che la scelta commerciale di Vodafone si è risolta nello sfruttamento di una posizione di potere rispetto al consumatore per esercitare una pressione in modo da limitarne la capacità di assunzione di una decisione consapevole.

Vanno, quindi, qualificate come scorrette le condotte esaminate.

Oggetto di contestazione non è la previsione contrattuale in sé, vale a dire la richiesta del prezzo residuo, ma le modalità e i tempi che caratterizzano tale richiesta, attraverso il saldo in un’unica soluzione.

E’ stata considerata aggressiva la pratica commerciale volta a richiedere il pagamento del prezzo secondo tali modalità anche a fronte dell’esercizio del diritto di recesso dal contratto che discende, non da una libera iniziativa del singolo consumatore o da una causa a lui imputabile in termini di responsabilità, ma da una scelta unilateralmente imposta da Vodafone, ossia l’esercizio dello ius variandi.

I consumatori, in sostanza, pur essendo resi edotti, nelle Condizioni Generali dell’offerta, della circostanza che il recesso dal contratto di telefonia abbinato alla vendita di un prodotto è liberamente esercitabile dal cliente e che lo stesso comporta il pagamento delle rate residue in un’unica soluzione, non è tuttavia informato di ciò che accade nell’ipotesi in cui il recesso sia determinato dal peggioramento delle condizioni tariffarie: in tale ipotesi, infatti, la decisione del consumatore di recedere dal contratto non può definirsi volontaria ma è indotta dallo ius variandi.

La decisione di Vodafone di imporre, anche in questo caso, il pagamento in un’unica soluzione del saldo finale è stata ritenuta dall’Autorità, sulla base di una motivazione logica e adeguata, idonea a integrare una pratica commerciale aggressiva, a causa della coercizione sulla libertà di scelta o di comportamento del consumatore rispetto all’esercizio del diritto di recesso condizionato dalle modifiche tariffarie.

18 Aprile 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tariffazione bolletta telefonia mobile da mensile a 28 giorni - Stop alle multe per le compagnie: ma i rimborsi restano
Ho letto su Facebook che per la questione della tariffazione mobile da 31 a 28 giorni perpetuata dalle compagnie telefoniche sono state sospese le multe alle aziende. E' vero o si tratta di una fake news? Sarebbe l'ennesima beffa per noi utenti. ...

Bollette telefonia mobile da mensile a 28 giorni - Agcom sanziona nuovamente le compagnie
Ho letto che il Tar, anche se confermando i rimborsi agli utenti, ha annullato le sanzioni agli operatori telefonici che hanno applicato la fatturazione delle bollette da mensile a 28 giorni, tempo fa. E' una vergogna. Nessuno prende provvedimenti in merito? ...

Bollette a 28 giorni imposte dalle compagnie telefoniche e rimborsi - Il Consiglio di Stato mette fine alla vicenda: si agli indennizzi ai consumatori
Della storia infinita delle bollette a 28 giorni e dei fantomatici rimborsi da corrispondere ai consumatori, se ne sono dette e scritte di tutti i colori: ho letto, però, che il Consiglio di Stato avrebbe messo fine alla vicenda con una sentenza. Insomma, com'è finita? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bollette a 28 giorni ingiustamente emesse dalle compagnie di telefonia mobile – Il Tar finalmente conferma la multa a Vodafone