Assicurazioni – Le polizze rc auto sottoscritte durante lockdown risarcite?


Il Governo dovrebbe rimborsare i consumatori dalle polizze Rc auto pagate durante la primavera del 2020 ma di cui non si è usufruito per il lockdown





Ho sottoscritto una polizza rc auto nel periodo del lockdown in cui non ho mai utilizzato la mia vettura a causa delle restrizioni per l’emergenza Covid-19.

E’ vero che potrebbero essere risarcite?

Il Governo lancia l’idea di rimborsare i consumatori dalle polizze Rc auto pagate durante la primavera del 2020 ma di cui non si è usufruito a causa del lockdown.

In una situazione di difficoltà economica causata dall’aumento dei prezzi al consumo, il sottosegretario all’Economia Federico Freni lancia una ipotesi in sostegno dei cittadini.

L’idea, come spiegato in commissione Finanze alla Camera, è quella di ottenere il risarcimento delle polizze Rc auto pagate durante la primavera del 2020 ma di cui non si è usufruito a causa del lockdown.

Secondo L’Ivass, l’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, il guadagno delle imprese assicurative durante la primavera del 2020 è stato di 2,2 miliardi di euro.

La situazione potrebbe rimanere e il dibattito è stato rimandato ad un futuro tavolo tecnico che tratterà appositamente della questione.

La posizione delle imprese assicurative sembra tutt’altro che accondiscendente e durante il tavolo tecnico opporranno resistenza alla decisione.

Le assicurazioni sembrano essere contrarie alla restituzione della Rc auto dato che molte di esse hanno già avviato diverse iniziative per aiutare i propri clienti.

Negli ultimi due anni le agenzie di assicurazione hanno abbassato i prezzi per venire incontro al periodo di difficoltà causato dalla pandemia.

Inoltre si teme l’incremento degli incidenti stradali in seguito alla ripresa della circolazione sostenuta delle automobili.

Secondo le stime dell’Ivass, i profitti delle assicurazioni nel ramo danni sono cresciuti del 45%, basti pensare che il guadagno durante il lockdown è stato pari a 2,2 miliardi di euro. I clienti sono riusciti a farsi restituire 811 milioni di quel guadagno complessivo attraverso iniziative proposte dalla assicurazioni. Tuttavia a volte questi sconti o promozioni venivano pubblicizzate per altri fini.

Per fare un esempio, l’allungamento di un mese delle polizze assicurative era di fatto un voucher che veniva concesso a chi avesse rinnovato il contratto con la stessa impresa.

Questo espediente impediva perciò di poter cercare e sottoscrivere possibili contratti più vantaggiosi presenti sul mercato.

Nella situazione attuale sembra che le imprese assicurative riusciranno a far valere le proprie ragioni. Con il termine, ormai più che prossimo, dello stato d’emergenza e la ripresa della regolare circolazione dei veicoli, rimane la preoccupazione per l’aumento dei sinistri stradali.

Per poter far fronte a questa eventualità, le assicurazioni hanno abbassato gli utili per poter aumentare le riserve nel bilancio.

Anche nel caso in cui le preoccupazioni delle compagnie si dimostrassero infondate, le assicurazioni saranno riuscite ad evitare la restituzione della Rc auto.

15 Marzo 2022 · Giovanni Napoletano


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Assicurazioni – Le polizze rc auto sottoscritte durante lockdown risarcite?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.