Riapertura dei termini per la presentazione di istanza di rottamazione ter e/o di definizione agevolata a saldo stralcio per i debiti la cui riscossione coattiva è stata affidata ad Agenzia delle Entrate Riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.


Essendo stata prorogata la scadenza al 31/7, avrei pensato di togliermi qualche altro sospeso: non si tratta di cartelle esattoriali ma di intimazioni di pagamento per contributi non versati o versati in meno e risalenti al 2011 e successivi. E’ possibile chiedere la rottamazione?

Gradirei inoltre avere conferma che la prescrizione scatta dopo 5 anni a partire dalla data del pagamento (credo 30 giugno).

E’ stato proposto dalla Lega un emendamento al cosiddetto decreto crescita che dovrà essere approvato in fase di conversione in legge e che prevede la riapertura dei termini per la rottamazione ter e/o per la definizione agevolata a saldo stralcio, fino al 31 luglio 2019.

Se la riapertura dei termini della rottamazione ter sarà approvata, potranno essere rottamati, fino al 31 luglio 2019, i debiti la cui riscossione è stata affidata ad Agenzia delle entrate-Riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, pagando il dovuto in un’unica soluzione entro il 30 novembre o in 17 rate a partire dalla stessa data.

.

12 Giugno 2019 · Paolo Rastelli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Riapertura dei termini per la presentazione di istanza di rottamazione ter e/o di definizione agevolata a saldo stralcio per i debiti la cui riscossione coattiva è stata affidata ad Agenzia delle Entrate Riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.