Cosa accade quando si preleva la pensione del defunto

Nei casi di indebita riscossione di rate di pensione dopo la morte del beneficiario, l'INPS si attiva per il recupero del credito con azioni diverse in relazione alla modalità di pagamento e al soggetto, banca o poste, che vi ha provveduto.

Per l'indebita riscossione di rate di pensione in pagamento allo sportello, e per le quali non risulta rilasciata delega, viene immediatamente richiesta, al soggetto che ha eseguito il pagamento, la restituzione della somma indebitamente percepita da persona diversa dall'avente diritto. Tale caso, infatti, configura quantomeno la responsabilità colposa del funzionario che ha eseguito il pagamento, nella presunzione che il pagamento stesso sia avvenuto senza il preventivo accertamento dell'identità del percettore.

Qualora il soggetto che ha eseguito il pagamento non provvede alla restituzione di quanto indebitamente corrisposto,

  1. nel caso di pagamento avvenuto tramite Istituto di credito, l'INPS avvierà la procedura per il recupero, anche coattivo, del credito nei confronti dello stesso Istituto bancario;
  2. nel caso di pagamento avvenuto presso le Poste Italiane, l'INPS procederà alla segnalazione dei fatti alla Direzione Generale delle Poste Italiane.

Invece, nei casi di indebita riscossione di rate di pensione in pagamento allo sportello e per le quali risulta rilasciata delega, la restituzione dell'importo indebitamente riscosso viene richiesta direttamente e immediatamente al delegato, fermo restando che la circostanza viene comunque segnalata al soggetto che ha effettuato il pagamento, per l'accertamento di eventuali responsabilità che dovessero emergere ed in funzione di possibili rivalse.

Sia in presenza, che in assenza di delega, l'INPS inoltra apposita denuncia all'Autorità Giudiziaria potendosi configurare un reato perseguibile d'ufficio nel comportamento dell'indebito percettore. Solo in caso di c/c bancario cointestato, dovendosi presumere la mancanza di dolo, la denuncia viene inoltrata soltanto qualora emergano elementi non equivoci di responsabilità.

Per il recupero degli importi percepiti indebitamente, non è consentita la rateizzazione.

In occasione dell'attivazione delle procedure per il recupero coattivo del credito, tramite iscrizione a ruolo, vengono pretesi gli interessi legali dalla data dell'indebita riscossione.

Il diritto delle somme indebitamente percepite soggiace al termine ordinario di prescrizione decennale.I termini di prescrizione decorrono dalla data in cui è stato effettuato il pagamento indebito.

20 marzo 2013 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il recupero degli importi indebitamente percepiti dal pensionato
Nei casi in cui l'indebito consegua alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene in sostanza ...
Avviso di addebito con valore di titolo esecutivo - il nuovo sistema di riscossione INPS
A decorrere dal 1 gennaio 2011, l'INPS ha  introdotto un nuovo sistema di riscossione con la finalità di indirizzare l'attività dell'Istituto verso una più efficace azione di contrasto dell'omissione contributiva. Da tale data, infatti, l'istituto provvede al recupero dei crediti contributivi di propria competenza attraverso la notifica al contribuente di un ...
Cartella esattoriale – cosa fare quando ne arriva una
Prima di descrivere cosa fare quando arriva una cartella esattoriale, cerchiamo di capire cosa è una cartella esattoriale. Avremo così modo di acquisire ulteriori elementi giuridici e normativi per comprendere meglio cosa fare quando arriva una cartella esattoriale. La cartella esattoriale è il documento che viene notificato al debitore affinchè ...
Recupero crediti Inps su eredi del pensionato deceduto
Quando l'indebito percepito dal pensionato deceduto risulti conseguente alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene ...
Cosa accade quando il creditore procedente espropria un bene che non è di proprietà del debitore
Quando un terzo fa valere il suo diritto di proprietà sull'immobile e lo sottrae a colui che l'ha comprato, ad esempio in seguito ad espropriazione coattiva e vendita giudiziale all'asta (aggiudicatario), si parla di evizione. Sia chiaro che il terzo non coincide con il debitore, dal momento che, per far ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa accade quando si preleva la pensione del defunto. Clicca qui.

Stai leggendo Cosa accade quando si preleva la pensione del defunto Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 20 marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria INPS » recupero crediti - trattenute per indebito pagamento - avviso di addebito e cartelle esattoriali Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca