Condomino moroso e decreto ingiuntivo

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Nella quotidiana vita condominiale le quote di spesa sono un male necessario, ma fonte di discussione di ogni assemblea. Spesso, di fronte a situazioni condominiali mal gestite, alcuni inquilini credono di tutelarsi sospendendo il pagamento della propria quota. Una scelta sbagliata e inefficace, perché il condomino moroso rischia di vedersi notificare un decreto ingiuntivo per procedere al pignoramento.

Le spese condominiali hanno la funzione di far fronte alla manutenzione dell’abitazione. Dalla pulizia delle scale al riscaldamento. Dalla portineria all’illuminazione delle parti comuni. In linea di principio, eccetto che per diversa convenzione prevista da una deliberazione unanime o nel regolamento, ogni condomino vede determinata la propria quota di spesa in proporzione al valore della proprietà di ciascuno o dell’uso che ciascuno può fare del bene comune.

Il documento nel quale sono indicate le spese necessarie per la gestione del condominio si chiama rendiconto.

L’amministratore ha l’obbligo di presentarlo ogni anno. Il rendiconto prende il nome di rendiconto preventivo o di rendiconto consuntivo, a seconda che riguardi le spese da sostenersi nell’anno successivo o quelle già sostenute nell’anno passato. La differenza tra quanto versato in base al preventivo e quanto richiesto con il consuntivo dà luogo al conguaglio spese.

Il rendiconto, nella doppia versione, va posto all’esame dell’assemblea condominiale, ogni anno, da parte dell’amministratore. Se non lo presenta per due anni consecutivi, l’amministratore è passibile di revoca, su ricorso anche di un solo condominio.

Se approvato il rendiconto diventa titolo idoneo per ottenere decreto ingiuntivo esecutivo. Cosa significa? Che se non si pagano le quote di spesa potrebbe scattare il pignoramento. Per questo ogni condomino, che si ritenga insoddisfatto dell’operato del proprio amministratore, non può non pagare le proprie quote in quanto, davanti ad un rendiconto regolarmente approvato e di fronte ad una situazione di morosità, qualunque giudice provvederà ad emettere un’ingiunzione di pagamento.

25 Febbraio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Le spese giudiziali per il recupero del credito possono essere poste a totale carico del condomino moroso
È legittima la delibera dell'assemblea condominiale che ponga a totale carico del condomino le spese processuali liquidate dal giudice nei confronti dello stesso condomino moroso con un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. Invece, è affetta da nullità la delibera dell'assemblea condominiale che incida sui diritti individuali di un condomino, come quella che ponga a suo totale carico le spese del legale del condominio per una procedura stragiudiziale iniziata contro di lui, in mancanza di una sentenza che ne sancisca la soccombenza. In tale ultima evenienza, infatti, si è di fronte ad una autoliquidazione di spese stragiudiziali da parte del condominio, e ...

Dare del moroso ad un condomino al di fuori dell'assemblea condominiale integra il reato di diffammazione
La critica nei confronti di un condomino può legittimamente estrinsecarsi all'interno di un'assemblea condominiale o nei rapporti con l'amministratore, ma di certo non può legittimare affermazioni offensive rivolte nei confronti di terzi. Soprattutto se la parte lesa, pur non avendo pagato le spese condominiali, sostiene di essere a sua volta in credito con il condominio (il che esclude la sua morosità, quantomeno fino a prova del contrario). Ed anche in ragione del fatto che il diritto di critica deve essere esercitato nel giusto contesto (assemblea condominiale) e tale non era certamente quello in cui si è manifestata la frase diffamatoria, ...

Quote condominiali - L'amministratore non può inviare il sollecito di pagamento al datore di lavoro del condomino moroso
L'Autorità per la protezione dei dati personali ha dichiarato illecito il trattamento effettuato da un amministratore che aveva inviato un sollecito di pagamento al datore di lavoro di un condomino in ritardo con il saldo di alcune rate, anziché a lui personalmente. Il sollecito di pagamento delle rate condominiali arretrate, inviato su richiesta del proprietario dell'appartamento affittato al condomino moroso, era stato spedito ad un indirizzo email accessibile da chiunque sul posto di lavoro e riportava anche l'ammontare del debito. L'Autorità, intervenuta su reclamo del debitore, ha accertato che l'amministratore è incorso in un trattamento di dati non conforme alla ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condomino moroso e decreto ingiuntivo. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Ferruccio 10 Giugno 2011 at 19:42

    Salve, vorrei sapere se in caso di morosità di un appartamento, con all’interno inquilini con contratto d’affitto non registrato ma in nero, se è possibile rivalersi sugli affitti degli inquilini se il proprietario no npaga le spese condominiali e si rende irreperibile ai solleciti dell’amministratore.
    Grazie Ferruccio!!

    • cocco bill 10 Giugno 2011 at 21:10

      Ciao Ferruccio, legga questo articolo.

      Vedrà che dopo la lettura, saprà risolvere da solo tutta la questione.

  • lello 6 Ottobre 2009 at 18:45

    Se il condominio ha un debito con un fornitore (acquedotto) il fornitore puo agire in via legale verso un condomino? (pignorando l’appartamento)
    se è si come difendersi

    • c0cc0bill 6 Ottobre 2009 at 19:20

      L’unico modo per difendersi a fronte di una procedura giudiziale di recupero crediti avviata dal fornitore, è quella di nominare un legale, se non si riconosce il debito (o lo si riconosce parzialmente).

      Altrimenti ci si oppone con espedienti.