Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento

La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi.

Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e successivamente il medesimo stipuli un contratto di finanziamento da estinguersi mediante cessione della retribuzione, la quota di stipendio "cedibile" dal dipendente non può eccedere la differenza tra i due quinti della retribuzione (considerata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali) e la quota "vincolata" dal pignoramento; in ogni caso, la quota "ceduta" non può essere superiore ad un quinto della retribuzione complessiva netta.

Ad esempio - la retribuzione netta del lavoratore è 900 euro; un creditore del dipendente, ne ha già ottenuto il pignoramento nei limiti di un quinto della stessa (pari a 180 euro); successivamente il dipendente stipula un contratto di cessione di quote dello stipendio pari a 160 euro mensili: l'azienda può dar corso anche alla trattenuta a titolo di cessione (in aggiunta a quella effettuata a titolo di pignoramento) in quanto la rata stabilita dalla società finanziaria è inferiore alla differenza tra i 2/5 della retribuzione netta (360 euro) e la quota pignorata (180 euro) ed è altresì inferiore a 1/5 (180 euro) della retribuzione netta complessiva.

Se invece il dipendente ha stipulato un contratto di cessione della retribuzione e successivamente al datore di lavoro viene notificato un atto di pignoramento, la quota aggredibile dal creditore pignorante è costituita dalla differenza tra la metà dello stipendio (al netto delle trattenute fiscali e previdenziali) e la quota già ceduta dal lavoratore.

Ad esempio, supponiamo che la retribuzione netta del dipendente sia pari a 900 euro e che il lavoratore subisca mensilmente una trattenuta a titolo di cessione dello stipendio pari a 160 euro: la quota di retribuzione aggredibile mediante pignoramento è pari a 290 euro ossia la differenza tra la metà della retribuzione (450 euro) e la quota ceduta destinata all'estinzione del finanziamento.

27 marzo 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cessione del quinto dello stipendio e pignoramento. Clicca qui.

Stai leggendo Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 27 marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito - cessione del quinto e delega di pagamento Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonymous user 14 settembre 2017 at 14:38

    Volevo sapere se quando pignorano un quinto dello stipendio viene toccata la trasferta Italia e l’assegno della bambina.
    Un esempio:
    Stipendio base di 550 euro che comprende tredicesima e tfr
    Trasferta Italia 300 euro
    Assegno bambina 130 euro
    Per un totale di 930 euro.
    La mia domanda è il pignoramento lo fanno su tutto o solo sulle 550? Anche perché nella mia azienda ogni 15 ci vien fatto l’acconto di 400 euro quindi a fine mese la mia busta paga e di 530 euro.

    • Simone di Saintjust 14 settembre 2017 at 14:58

      Gli assegni familiari (ammesso che lei si riferisca a tale beneficio corrisposto dall’INPS quando scrive di assegno alla bambina) non rientrano nelle voci stipendiali e pertanto non sono pignorabili dal creditore procedente. Diverso è il discorso relativo all’importo erogato come “Trasferta Italia”. Il giudice valuta se trattasi di un rimborso spese forfetario, come tale escluso dal pignoramento, oppure di una voce stipendiale, vera e propria, svincolata da eventuali spese sostenute dal lavoratore: nel quale ultimo caso viene comunque prelevato il 20% dell’importo corrisposto al debitore.

  • bonkard66 13 novembre 2014 at 22:03

    L’esempio dei 900 euro mensili corrisponde alla mia situazione.La differenza è di pochi euro.Trattenuta 172 euro cessione quinto.Trattenuta pignoramento 80 euro da gennaio/14,il cedolino riporta accantonamento.Tuttoggi nessuna comunicazione da parte del inps .La cessione del quinto e decennale,sono 4 anni che la pago,posso chiedere ulteriore cessione del quinto della pensione.Grazie

    • Ludmilla Karadzic 14 novembre 2014 at 05:01

      Se si tratta di una cessione del quinto, allora il pignoramento della pensione può benissimo coesistere. La cessione del quinto può essere concessa con una rata mensile che non può superare il 20% dello stipendio netto.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca