Coma si calcola la quota dello stipendio da prelevare per un pignoramento successivo alla cessione del quinto volontaria?

Ho uno stipendio netto di 1350, con una cessione del quinto volontaria di 270€, a quanto ammonterebbe un’eventuale pignoramento? Ho letto che: “Qualora un lavoratore abbia effettuato una cessione dello stipendio, i successivi pignoramenti sono consentiti solo per la differenza tra la metà dello stipendio e la quota già ceduta dal lavoratore”. Quindi nel mio caso 1350/2=675-270=405, ma 405 è la quota che mi pignorerebbero oppure la quota sarebbe 1/5 di 405?

In caso di pignoramento per crediti ordinari (per crediti esattoriali l’aliquota potrebbe essere minore del 20% e per crediti alimentari arrivare ad 1/3) le preleverebbero un quinto dallo stipendio al netto di tasse e contributi e al lordo di cessione e di pignoramenti già in corso, dunque 270 euro, nell’ipotesi che l’accredito effettivo in banca dello stipendio residuo sia attualmente di 1080 euro.

Se un domani, dopo il pignoramento per crediti ordinari (privati, banche e finanziarie) lei si separasse da sua moglie, non le versasse gli alimenti e costei avviasse azione esecutiva nei confronti del marito separato, il giudice non potrebbe assegnare, al creditore procedente per il credito alimentare, più di 1350/2 – 270 – 270 = 135 euro.

Se un domani, dopo il pignoramento per crediti ordinari lei si separasse da sua moglie, non le versasse gli alimenti, costei avviasse azione esecutiva nei confronti del marito separato, e lei non avesse “acceso” la cessione del quinto, il giudice potrebbe assegnare, al creditore procedente per il credito alimentare, fino a 1350/2 – 270 = 405 euro.

Ecco la differenza, e peccato che la cessione del quinto non possa andare oltre il 20% (il prestito delega, o doppio quinto, non entra in questo gioco).

Ora, l’articolo 545 del codice di procedura civile, letto in combinazione con la legge 180/1950 (articoli dal 67 al 70), stabilisce che il prelievo per il simultaneo concorso di pignoramenti e cessioni già in corso, non può estendersi oltre la metà dell’ammontare della busta paga del debitore sottoposto ad azione esecutiva presso il datore di lavoro.

Lo stesso concetto si può esprimere affermando che qualora un lavoratore abbia effettuato una cessione dello stipendio, i successivi pignoramenti sono consentiti solo per la differenza tra la metà dello stipendio e la quota già ceduta dal lavoratore.

10 Novembre 2017 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cessione del quinto e successivo pignoramento - Come abbassare la quota pignorabile
Sono un ex imprenditore che ha chiuso l'azienda per fallimento: ora sono lavoratore dipendente con contratto a tempo indeterminato da 2 anni. Ho ricevuto un precetto con successiva procedura di esecuzione forzata per la restituzione di una somma considerevole ad una banca. Per tutelare lo stipendio da un probabile pignoramento del quinto, volevo attuare una cessione del quinto dello stesso con una finanziaria per abbassare la quota pignorabile. Però chiedendo lumi all'avvocato non ho trovato riscontro con la formula che dice che la quota aggredibile dal creditore pignorante è costituita dalla differenza trà la metà dello stipendio e la quota già ceduta ...

Cessione volontaria alimenti e cessione quinto
In sede di separazione ho acconsentito alla cessione volontaria degli alimenti dal mio stipendio: ora vorrei attivare cessione quinto, è compatibile? E in che misura? Due finanziarie mi hanno dato risposte diverse: una che il quinto va calcolato sull'importo al lordo della cessione volontaria fino a concorrenza del 50% dello stipendio netto. L'altra invece fino al 40% dello stipendio netto. La differenza tra le due ipotesi è notevole. ...

Il quinto di pignoramento si calcola sullo stipendio al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo della cessione del quinto, del prestito delega e di altri pignoramenti in corso
In riferimento a questa ed a quest'altra precedente discussione, forse non ho spiegato bene la questione: le due cessioni del quinto riguardano due finanziarie quindi non hanno niente (presumo) a che fare con pignoramento di crediti alimentari. Inoltre con la prima trattenuta ho uno stipendio di circa 1000€ il quinto che mi si sta applicando di €386 non mi sembra giusto visto che il quinto di trattenuta si applica al netto dello stipendio. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Coma si calcola la quota dello stipendio da prelevare per un pignoramento successivo alla cessione del quinto volontaria?