Cancellazione protesto cambiali – Istanza per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto

Esamineremo ora la procedura relativa alla “cancellazione per avvenuto pagamento, presentata oltre i 12 mesi dalla levata del protesto”, altresì indicata come cancellazione per riabilitazione”

La legge 18.08.2000, numero 235, che all’articolo 2 trasferisce alle Camere di Commercio la competenza circa la cancellazione dei protesti relativi agli effetti cambiari pagati entro 12 mesi dalla levata del protesto, nulla dice in merito agli effetti cambiari pagati successivamente al predetto termine.

Di conseguenza, il procedimento di cancellazione per avvenuto pagamento oltre il termine di 12 mesi dalla levata del protesto è rimasto di competenza del Tribunale.

Modulo (facsimile) di istanza di riabilitazione da presentare al Tribunale

istanza di riabilitazione da presentare al tribunale competente nel territorio dove è stata effetuata la levata del protesto

La domanda di cancellazione per protesti, relativi ad effetti cambiari pagati successivamente ai 12 mesi dalla levata del protesto, è ricevibile dall’Ufficio Protesti solo dopo che il decreto di riabilitazione è trasmesso dal Tribunale o dall’interessato all’Ufficio Protesti, che lo pubblica nel Registro Informatico per un periodo di 10 giorni (articolo 17 legge 7.03.1996, numero 108).

La cancellazione del protesto potrà essere eseguita dall’Ufficio Protesti solo dopo il decorso del periodo di pubblicazione. In questo caso è la Camera di Commercio che, ricevuto il decreto dal Tribunale, provvede ad informare l’interessato che è possibile presentare la domanda di cancellazione per riabilitazione.

Sulla domanda decide, con determinazione, il dirigente responsabile dell’Ufficio Protesti entro 20 giorni dal deposito dell’istanza.

L’Ufficio Protesti provvede alla cancellazione del nominativo entro 5 giorni dalla data del provvedimento dirigenziale (articolo 2, numero 3 L.18 agosto 2000, numero 235).

Modulo (facsimile) di istanza di cancellazione dal R.I.P.

richiesta di cancellazione dal registo informatico dei protesti per riabilitazione da presentare al presidente della camera di commercio industria attività artigianali
(1) La firma può essere apposta direttamente in presenza dell’addetto all’ufficio competente a ricevere le domande, ovvero quando quest’ultima non viene depositata direttamente dall’interessato, è sufficiente allegare una fotocopia di un documento d’identità del medesimo.

(2) Il versamento può essere effettuato direttamente in contanti presso l’Ufficio Protesti o con bollettino postale CCP numero 351502 intestato alla Camera di Commercio causale “6060”.

La presente richiesta, con i prescritti allegati, può essere inviata anche a mezzo posta e corredata dalla fotocopia di un documento in corso di validità dell’interessato.

Per fare una domanda sull’istanza di  cancellazione presentata oltre i 12 mesi dal protesto, sul protesto, sulle restrizioni del credito per i soggetti protestati, sulle procedure di cancellazione del protesto, sul Pubblico Registro dei Protesti  e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

30 Luglio 2013 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cancellazione protesto cambiali per pagamento entro 12 mesi dal protesto in assenza di originali
Esaminiamo il caso di cancellazione per avvenuto pagamento, entro 12 mesi dalla levata del protesto, in assenza degli effetti originali. Qualora il debitore non fosse in possesso del titolo, della cambiale o tratta accettata, perché, per esempio, ancora in fase di lavorazione nel circuito bancario, egli può presentare la domanda di cancellazione al Presidente della Camera di Commercio, corredata del "certificato di deposito” (sostitutivo del titolo originale e della quietanza di pagamento), rilasciato dall'istituto di credito presso il quale è stato effettuato un deposito, della somma dovuta, vincolato al portatore e a favore dell'effetto, a garanzia del pagamento della somma ...

Annotazione protesto cambiali per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto
Ai sensi dell'articolo 4 legge 12.02.1955, numero 77 e successive modificazioni, “il debitore che provveda al pagamento oltre il predetto termine (12 mesi dalla levata del protesto) può chiederne l'annotazione sul registro informatico…” È necessario in tal caso presentare domanda di annotazione dell'effettuato pagamento, corredata dal titolo quietanzato (cambiale o tratta accettata) e dall'atto di protesto o dalla dichiarazione di rifiuto del pagamento. Per effettuare la cancellazione vera e propria, occorre attendere il decreto di riabilitazione del Tribunale, seguendo la procedura vista nella sezione precedente e relativa alla "cancellazione per avvenuto pagamento, presentata oltre i 12 mesi dalla levata del ...

Cancellazione protesto cambiali per pagamento entro 12 mesi dal protesto
Il debitore, che esegue il pagamento di un effetto (pagherò cambiario o tratta accettata), entro 12 mesi dalla levata del protesto, può chiedere la cancellazione definitiva dal Registro Informatico dei Protesti. A tale scopo deve presentare domanda al Presidente della Camera di Commercio, corredata di: titolo in originale con atto di protesto o dichiarazione di rifiuto di pagamento; fotocopie fronte retro dell'effetto ed atto di protesto o rifiuto di pagamento; quietanza di pagamento in originale. Sulla domanda decide, con determinazione, il dirigente responsabile dell'Ufficio Protesti entro 20 giorni dal deposito dell'istanza. L'Ufficio Protesti provvede alla cancellazione del nominativo entro 5 ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cancellazione protesto cambiali – istanza per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto. Clicca qui.

Stai leggendo Cancellazione protesto cambiali – Istanza per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 30 Luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Dicembre 2018 Classificato nella categoria assegni - cancellazione protesto e riabilitazione Inserito nella sezione protesti e protestati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 11 Gennaio 2019 at 23:59

    Cos’è la dichiarazione di rifiuto di pagamento

    • Simone di Saintjust 12 Gennaio 2019 at 06:25

      Si tratta della dichiarazione con cui la banca attesta, sul modulo, che sul conto corrente di traenza dell’assegno non è disponibile sufficiente liquidità per coprire il pagamento dell’importo facciale, oppure, per quel che attiene la cambiale, della dichiarazione, effettuata dal trattario (chi ha emesso l’assegno) di rifiuto del pagamento, scritta e datata sul titolo.

      In entrambi i casi si tratta di soluzioni finalizzate ad evitare, quando possibile, le spese di protesto (bolli e competenze notarili) tenendo presente che tali spese, sebbene anticipate del creditore (il beneficiario insoddisfatto) gravano pur sempre sul debitore inadempiente e che il protesto non è necessario quando si intende agire direttamente su chi ha emesso l’assegno o la cambiale e non sugli eventuali giranti e avallanti.

  • Anonimo 11 Gennaio 2019 at 23:52

    Protesto di una cambiale a mio nome e codice fiscale ma non compilata e firmata da me , come devo procedere per avere il titolo, la liberatoria per chiedere la cancellazione alla camera di commercio,?

    • Simone di Saintjust 12 Gennaio 2019 at 06:33

      Per incassare la cambiale impagata, tramite riscossione coattiva (pignoramento ed espropriazione dei beni del debitore), il creditore dovrà notificare un atto di precetto. In sede di opposizione a precetto, con citazione davanti al giudice competente per materia e per territorio, ex articolo 615 del codice di procedura civile, il debitore potrà eccepire la firma apocrifa apposta alla cambiale, disconoscendola: il giudice sospenderà l’efficacia esecutiva del titolo e deciderà se accogliere la contestazione del debitore, anche con la nomina di un CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio) che esaminerà la firma per effettuare una perizia calligrafica qualora la falsificazione non risulti evidente a colpo d’occhio (icto oculi).

      Magari, prima che ciò accada può inviare al creditore una comunicazione A/R in cui lo mette al corrente del disconoscimento delle firma e dell’opposizione che esperirà ad ogni eventuale azione esecutiva venisse avviata sulla base della cambiale apocrifa non onorata.

      Se, tuttavia, l’obiettivo è anche, e soprattutto, evitare, per quanto possibile, la permanenza del suo nominativo nel Registro Informatico dei Protesti (RIP) non ha altra soluzione se non quella di affidarsi ad un avvocato per sporgere denuncia all’Autorità Giudiziaria e presentare un ricorso d’urgenza ex articolo 700 del codice di procedura civile.