Accordo a saldo stralcio e liberatoria per cancellazione dalla CRIF - errori da non commettere

Sono stata segnalata al CRIF come cattiva pagatrice (ho saltato 4 rate da pagare) ma poi ho liquidato tutto alla società finanziaria in un unica soluzione, (questi mi avevano assicurato che non ero stata segnalata) ebbene dopo 1 anno mi è arrivato un avviso di pagamento di 161.00 euro per spese legali e interessi. Adesso non risulto più nell'elenco dei protestati, risulto nell'elenco “dei ritardatari nei pagamenti a rate” (4 rate), che, come ho appena scritto, ho liquidato il mio debito con un anno di anticipo. Come devo fare per farmi cancellare dall'elenco dei ritardatari?

Coloro che vengono segnalati alla CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria) non sono definibili come "protestati" (che è tutt'altra specie di debitore insolvente) bensì vengono indicati con il termine generico di "cattivi pagatori".

La CRIF, per sua cattiva abitudine, non cancella mai automaticamente quanti ne hannno diritto. E' sempre necessario presentare un'istanza qui, (seguendo le istruzioni riportate) e verificare, a posteriori, che la cancellazione sia effettivamente avvenuta.

Alcune volte, poi, è necessario che il debitore faccia addirittura una segnalazione al Garante per la Protezione dei dati Personali. I signori della CRIF non giungono mai alla decisione dell'Autorità, ma ottemperano ai propri obblighi (vale a dire eliminano i dati riferibili al debitore che ha acquisito il diritto alla cancellazione) prima di una eventuale sentenza negativa (per loro).

Ma quando un debitore ha diritto alla cancellazione? Si può facilmente desumerlo dalla seguente tabella:

tempi massimi

Mentre la procedura di verifica/cancellazione è illustrata di seguito.

crif tempi

Per quanto riguarda il suo caso, lei avrebbe diritto alla cancellazione dagli elenchi dei cattivi pagatori dopo due anni a partire dalla data in cui ha regolarizzato la situazione.

Ma, lei si è lasciata "abbindolare" dalla società di recupero crediti:

  1. non ha chiesto lettera di cessione;
  2. non si è fatta consegnare un estratto cronologico del capitale dovuto e degli interessi moratori da corrispondere;
  3. non ha formalizzato un contratto scritto con il quale veniva sancito che nulla più era dovuto dopo il pagamento concordato;
  4. non si è fatta rilasciare la necessaria "liberatoria" del creditore con la quale è poi possibile, avendone maturati i tempi, chiedere la cancellazione alla CRIF.

Adesso chiede cosa deve fare. Se ha necessità di accettare il ricatto lei deve:

1) leggere gli articoli che le indico di seguito:

Samantha contro Pippo - Una guerra fra poveri
Come non pagare tutto il debito e vivere sereni!
Una guida di sopravvivenza per debitori assediati
Le società di recupero vi perseguitano? Ecco come fare!

2) concordare il pagamento dei 161 euro richiesti, non senza aver pattuito che in cambio dovranno essere prodotti:

a) lettera di cessione o di mandato a riscuotere;
b) accordo di saldo e stralcio firmato da cui deve emergere che per il debito originario più nulla è dovuto (altrimenti fra qualche mese staremo punto e a capo);
c) liberatoria in cui il creditore dichiara che il debitore ha saldato ogni debito, sia in quota capitale sia in quota interessi;

3) aspettare che decorrino due anni dalla data del pagamento dei 161 euro e quindi chiedere la cancellazione alla CRIF.

Per fare una domanda agli esperti vai al forum

Per approfondimenti, accedi alle sezioni tematiche del blog

7 settembre 2013 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo a saldo stralcio in caso di leasing
Il leasing è la tipologia di credito con la quale è più difficoltoso arrivare a transare un saldo e stralcio, in quanto la società erogante ha il coltello dalla parte del manico, costituito dalla possibilità di recuperare il bene velocemente - e se il debitore rifiuta di riconsegnarlo c'è la ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Debiti e società di recupero crediti – consigli da seguire se si decide di pagare 
Gentile debitore, se proprio ha intenzione di pagare, segua questi consigli: innanzitutto lei deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico ...
Debiti e recupero crediti – cose che succedono quando non si seguono le procedure consigliate
Innanzitutto deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico con cui sta perfezionando il concordato. ...
Una guida di sopravvivenza per il debitore assediato
Non vorrei essere frainteso, dando la sensazione di voler asserire che le società di recupero credito operino in contesti fuori legge. Ma, anche se può sembrare un paradosso, è assolutamente certo che una delle armi di difesa più efficaci nelle mani del debitore perseguitato  consiste proprio nella scrupolosa e attenta ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accordo a saldo stralcio e liberatoria per cancellazione dalla crif - errori da non commettere. Clicca qui.

Stai leggendo Accordo a saldo stralcio e liberatoria per cancellazione dalla CRIF - errori da non commettere Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 7 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 ottobre 2017 Classificato nella categoria accordo transattivo a saldo stralcio Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Utente anonimo 2 novembre 2017 at 18:53

    Salve ho un pignoramento presso terzi da due anni e mezzo per aver fatto da garante e il debitore originario non è riuscito a pagare.Adesso vorrei chiudere il debito e il pignoramento con un saldo e stralcio ovviamente non posso permettermi un avvocato posso fare la proposta io?E come posso fare per accertarmi la chiusura del debito e pignoramento nel caso in cui la banca accetti la suddetta proposta? Praticamente cosa non devo tralasciare nella stesura della mia proposta?Spero possiate aiutarmi grazie

    • Simone di Saintjust 2 novembre 2017 at 21:45

      Io non credo che la banca accetterà un saldo parziale del debito, primo perché non hanno l’esigenza di liquidare a stralcio il debito originale accertato, definito giudizialmente ed escusso integralmente tramite pignoramento (anche se accettare la sua proposta comporterebbe tempi di rimborso più celeri, consideri che una banca eroga mutui anche trentennali); secondo perché è difficile che qualche funzionario si assuma la responsabilità di autorizzare un accordo di solito non previsto nelle politiche aziendali dopo l’avvio e la positiva conclusione di un’azione esecutiva; terzo, in quanto sarebbe poi complicato contabilizzare l’intervenuta modifica in quantità e tempi di rimborso del credito già azionato. Tornando alla sua domanda, certamente lei può formulare l’offerta (domandare è lecito, rispondere è cortesia). Poi nel caso in cui la banca si dichiarasse interessata alla sua proposta, potremmo discutere delle altre questioni.

      Ripeto, gli accordi transattivi a saldo stralcio, per la composizione delle controversie debitorie, vanno perfezionati in fase stragiudiziale, prima del pignoramento.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca