Bollette e fatture » Quando e quanto tempo tenerle da parte

Bollette, fatture e altri documenti importanti: ecco perché e per quanto tempo vanno conservati.

Ci sono dei documenti che è sempre meglio conservare. Perciò, prima di sbarazzarvi di tutti i vecchi documenti, è meglio che seguiate questi consigli per evitare che, un domani, qualcuno possa bussare alla vostra porta e pretendere un pagamento che, invece, avete già effettuato.

Per stabilire quando è arrivato finalmente cestinare i documenti accennati di buttare le carte bisogna far riferimento ai tempi di prescrizione del relativo credito.

Che vuol dire? Ciò significa che, se il credito si è prescritto, anche se il creditore dovesse chiedervi il pagamento voi potreste benissimo non eseguirlo. Infatti, il giudice non potrebbe mai condannarvi in un eventuale procedimento in tribunale. In parole povere, una volta intervenuta la prescrizione, il debito si considera estinto.

I termini di prescrizione, però, sono fissati per legge e variano a seconda del tipo di documento.

Per quanto riguarda le bollette per il consumo di acqua, luce, gas, telefono si devono attendere cinque anni dalla data di scadenza.

Anche per il Bollettino IMU, spese condominiali, Tassa nettezza urbana e ricevute per canoni d'affitto, pagamento delle rate del mutuo, e ricevute di pagamento di multe stradali la prescrizione interviene dopo 5 anni.

Per quanto attiene le cambiali e parcelle dei professionisti, e il bollo auto, invece, bisogna attendere tre anni.

Riguardo la dichiarazione dei redditi, bisogna aspettare quattro anni a partire dall'anno successivo a quello della presentazione della dichiarazione.

In caso di ristrutturazioni edilizie, poiché la rateazione delle detrazioni è su 10 anni, la documentazione per chiedere le detrazioni dovrà essere conservata per 10 anni + 4, quindi 14 anni.

20 giugno 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prescrizione e decadenza - tempi di conservazione per bollette, attestati e ricevute di pagamento
Almeno cinque anni, prima di cestinare una multa: altrettanti dovrebbero passare prima di riservare lo stesso trattamento a quelle ricevute che, ammassate in tanti fascicoli in un mobile dello studio, possono dimostrare l'avvenuto pagamento di una tassa. Tempi tecnici per evitare di pagare due volte la stessa contravvenzione, nel primo ...
Prescrizione delle fatture commerciali
Il termine di prescrizione per le fatture commerciali è di cinque anni dall'emissione Si possono certamente richiedere gli interessi. Per il loro calcolo, se c'è un contratto scritto possono essere previsti convenzionalmente (nei limiti della legge 108/96). Se non c'è un contratto, ed il rapporto è fra imprese, si applica ...
Compravendita dichiarata nulla - la prescrizione per la restituzione di quanto pagato parte dal giorno del pagamento
Può accadere che, in esecuzione di un contratto di compravendita, l'acquirente corrisponda un importo al venditore del bene. Se il contratto viene successivamente dichiarato nullo, la prescrizione per la restituzione di quanto pagato, a fronte dell'atto nullo, comincia a decorrere non già dalla data del passaggio in giudicato della decisione ...
L'istanza di insinuazione al passivo fallimentare interrompe la prescrizione del credito
Secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità , la presentazione dell'istanza di ammissione del credito al passivo fallimentare determina l'interruzione della prescrizione del credito medesimo, con effetti permanenti fino alla chiusura della procedura concorsuale, in applicazione del principio fissato dal codice civile (articolo 2945, secondo comma). L'effetto interruttivo della prescrizione ...
La prescrizione delle spese di giustizia
Il termine di prescrizione delle spese processuali è quello ordinario di cui all'articolo 2946 del codice civile, vale a dire dieci anni dalla data in cui la sentenza, civile o penale, è divenuta irrevocabile o, comunque, dalla data in cui il provvedimento conclusivo del processo è divenuto definitivo; così come ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bollette e fatture » quando e quanto tempo tenerle da parte. Clicca qui.

Stai leggendo Bollette e fatture » Quando e quanto tempo tenerle da parte Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 20 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria prescrizione in genere e prescrizione presuntiva Inserito nella sezione prescrizione dei debiti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca