Bollette utenze domestiche – Entro quanto tempo interviene la prescrizione e quanto conservare le ricevute?

Vorrei sapere per quanto tempo dovrei conservare le ricevute del pagamento delle bollette per le utenze domestiche e più in generale quando interviene la prescrizione per questo tipo di fatturazione.

Potete aiutarmi?

Conservare le ricevute di pagamento delle bollette è importante per evitare il pericolo di pagare due volte, in caso di contestazione del pagamento: nonostante ciò, arriva il momento in cui il credito cade in prescrizione e non si è più obbligati a darne alcune dimostrazione, allora sì che possiamo buttare tutto senza correre rischi.

Per prima cosa è importante verificare la data in cui è avvenuto il pagamento.

Come dice il Codice Civile, il pagamento di una bolletta può essere richiesto, dal creditore, solo entro una certa data.

Scaduti i termini di legge, il debitore non è più tenuto al pagamento nel caso non fosse ancora stato effettuato.

Se invece, al momento della richiesta, il termine è ancora valido e non si è in grado di dimostrare di aver pagato, bisognerà effettuare nuovamente il pagamento, maggiorato di interessi e sanzioni.

Se in precedenza il termine di prescrizione per le spese domestiche era di cinque anni, con la Legge di Bilancio 2018 i fatti sono cambiati.

Dal 2 Marzo 2018, infatti, è entrato in vigore un nuovo termine di prescrizione: tutte le bollette emesse hanno, ad oggi, una prescrizione biennale, quindi di solo due anni.

Nel dettaglio, per quanto riguarda le bollette del gas, la prescrizione è passata da cinque a due anni a partire da gennaio 2019, e per le bollette dell’acqua a partire da gennaio 2020.

In genere, si consiglia di conservare ogni ricevuta di pagamento in originale cartaceo. In questo modo eviterete facili contestazioni da parte del creditore.

Inoltre, quando vi troverete a calcolare la tempistica per la conservazione dei documenti, è fondamentale considerare la possibile interruzione del termine di prescrizione.

Ad esempio, un sollecito di pagamento può interrompere il termine previsto facendone decorrere uno nuovo. A questo punto dovrete ricalcolare i tempi, facendo fede all’ultima data indicata nel vostro sollecito.

7 Febbraio 2020 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ricevute di pagamento bollette energetiche - Per quanto tempo vanno conservate?
Sono sicuro di aver pagato due volte una bolletta della luce: purtroppo, però, non ho potuto contestare il saldo alla compagnia fornitrice poiché mia moglie non ha conservato la bolletta con la ricevuta. In linea generale, è utile conservare le bollette? Per quanto tempo? ...

Ricevute di utenze domestiche
Se chiudo i contratti per utenze domestiche (luce, telefoni sia fisso che mobili, gas, ecc.) per quanto tempo devo tenere le ricevute? E nel caso di una persona deceduta? Gli eredi devono tenere le ricevute di pagamento? ...

Prescrizione bollette acqua - Dal primo gennaio 2020 è biennale?
Vorrei sapere se a partire da quest'anno anche per le bollette dell'acqua la prescrizione è stata ridotta a due anni e in sostanza cosa cambia per noi consumatori da ora in poi. Potete aiutarmi? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bollette utenze domestiche – Entro quanto tempo interviene la prescrizione e quanto conservare le ricevute?