Strada pericolosa » Automobilista imprudente? No al risarcimento danni

L’automobilista imprudente non ha il diritto al risarcimento danni.

Il proprietario di una strada non è responsabile, ai sensi dell’articolo 2051 del codice civile, degli infortuni occorsi ai fruitori di quest’ultima.

Ciò, quando sia provata l’elisione del nesso causale tra la cosa e l’evento, quale può aversi, in un contesto di rigoroso rispetto di eventuali normative esistenti o comunque di una concreta configurazione della cosa in condizioni tali da non essere in grado di nuocere normalmente ai suoi fruitori avveduti e prudenti, nell’eventualità di accadimenti imprevedibili ed ascrivibili al fatto del danneggiato stesso, tra i quali una sua imperizia o imprudenza, o di terzi.

E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 2692/2014.

Se l’automobilista è imprudente non ha diritto al risarcimento danni

Il proprietario di una strada pericolosa non è responsabile degli infortuni avvenuti ai danni degli automobilisti, se il comportamento diligente e prudente di questi ultimi poteva impedire il danno.

L’ente o il Comune proprietario di una strada, anche se pericolosa e dissestata, non sono responsabili per l’eventuale sinistro stradale capitato ad un’automobile, se il conducente di quest’ultima non si è comportato in modo prudente.

Si potrebbe, eventualmente, escludere anche la possibilità di un concorso di colpa tra l’amministrazione e l’autista della vettura quando la condotta di quest’ultimo sia stata particolarmente grave e sconsiderata.

Tutte le volte, infatti, in cui l’automobilista può impedire l’incidente con una guida responsabile e rispettosa del codice, allora il custode della strada non è tenuto al risarcimento danni.

11 Febbraio 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Può essere oggetto di cessione anche il diritto di credito al risarcimento del danno non patrimoniale
Il credito da risarcimento del danno da sinistro stradale è suscettibile di cessione, in ossequio al principio della libera cedibilità del credito posto agli articoli 1260 e seguenti del codice civile. Tale principio è stato affermato in particolare con riferimento alla cessione del diritto di credito al risarcimento del danno patrimoniale, ponendosi in rilievo che esso è di natura non strettamente personale e che non sussiste specifico divieto normativo al riguardo. Il cessionario è pertanto ritenuto legittimato ad agire, al posto del cedente, per l'accertamento giudiziale della responsabilità dell'autore del sinistro e per la conseguente condanna del medesimo e del ...

Investito da pirata della strada » Per ottenere il risarcimento danni dal FGVS il danneggiato non ha l'obbligo di identificare il colpevole
Sinistro stradale con pedone investito da pirata della strada: il danneggiato, per ottenere il risarcimento danni dal Fondo Garanzia Vittime della Strada, non ha nessun obbligo di identificare l'autovettura. In tema di risarcimento danni, conseguito a causa di un investimento, qualora l'autovettura non sia stata identificata, il danneggiato non ha nessun onere di diligenza nell'identificazione del veicolo, né di fornire la prova dell'impossibilità incolpevole dell'identificazione. La vittima, inoltre, non ha alcun obbligo di presentare una denuncia od una querela contro ignoti, la cui sussistenza o meno non è che un mero indizio. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su strada pericolosa » automobilista imprudente? no al risarcimento danni. Clicca qui.

Stai leggendo Strada pericolosa » Automobilista imprudente? No al risarcimento danni Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 11 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)