Limiti 2020 di pignoramento di stipendio, pensione e conto corrente

Limiti 2020 di pignoramento di stipendio, pensione e conto corrente

A partire da gennaio 2020, l’importo massimo dell’assegno sociale ammonta a 459,83 euro, importo erogato per tredici ratei esenti da tassazione IRPEF. Trattandosi di una misura di sostegno al reddito ed essendo l’importo erogato necessariamente minore del minimo vitale (valorizzato come importo massimo dell’assegno sociale aumentato della metà), l’assegno sociale risulta assolutamente non pignorabile.

Ricordiamo che l’assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, a favore di cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge: l’età richiesta per poter accedere alle prestazioni in oggetto è di 67 anni per il 2020, mente l’entità della prestazione decresce con l’aumentare del reddito detenuto dal beneficiario fino ad azzerarsi oltre le soglie previste annualmente dalla legge: per questo si parla di importo massimo dell’assegno sociale.

Alla luce degli importi massimi stabiliti per il 2020 relativamente all’assegno sociale nonché ai sensi dell’articolo 545 del codice di procedura civile, la pensione potrà essere pignorata presso l’INPS, solo per l’importo eccedente 689,74 euro, dal momento che il minimo vitale è pari all’importo massimo dell’assegno sociale aumentato della metà, mentre le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate solo per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale, vale a dire solo per l’importo eccedente 1.379,49 euro.

In altre parole, se il rateo mensile di pensione è di mille euro, potrà essere prelevato, presso l’INPS, solo il 20% di 1000 – 689,74 euro, ovvero 62 euro. Se sul conto corrente dove viene accreditato lo stipendio (o la pensione) c’è un saldo di duemila euro al momento del pignoramento, il creditore precedente potrà ottenere solo 2.000 – 1379,49 = 620,51 euro. Qualora sul conto corrente, fra la data di notifica del pignoramento al terzo (la banca) ed il momento in cui viene contabilizzato il saldo, risultasse accreditato un altro rateo di stipendio, il prelievo su quest’ultimo accredito non potrebbe superare il quinto della somma trasferita dal datore di lavoro. Nell’ipotesi in cui, sul conto corrente, fra la data di notifica del pignoramento alla banca ed il momento in cui viene contabilizzato il saldo, venisse accreditato un altro rateo di pensione, il prelievo su quest’ultimo accredito non potrebbe superare il quinto della somma trasferita dall’INPS ed eccedente il minimo vitale.

28 Dicembre 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Arretrati e giacenze di pensione e di stipendio accreditati in conto corrente - Restano i limiti di pignorabilità dettati dall'articolo 545 del codice di procedura civile » Le somme versate in conto corrente non perdono la loro identità di crediti pensionistici o di lavoro
La giurisprudenza prima della riforma dell'articolo 545 del codice di procedura civile, riteneva pignorabile (o sequestrabile) l'importo versato nel conto corrente del trattamento pensionistico o da retribuzione da lavoro dipendente in base al principio secondo il quale le somme versate perdono la loro identità di crediti pensionistici o di lavoro e, pertanto, non sono sottoposte ai limiti di pignorabilità dipendenti dalle cause che diedero origine agli accrediti, con conseguente applicazione del principio generale di cui all'articolo 2740 del codice civile e cioè che il debitore risponde dell'adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. L'articolo 545 del ...

Assegno sociale - A partire da gennaio 2019 per averne diritto bisogna aver compiuto 67 anni
Com'è noto l'assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, dedicata ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge: ebbene, a partire dal 1° gennaio 2019, il requisito anagrafico minimo previsto per il conseguimento dell'assegno sociale, è innalzato di 5 mesi e, pertanto, l'età richiesta per poter accedere alle prestazioni in oggetto sarà pari a 67 anni rispetto ai 66 anni e 7 mesi previsti per il 2018. Coloro i quali compiono l'età prevista dalla normativa attualmente vigente (66 anni e 7 mesi) entro il 31 dicembre 2018, ...

Pignoramento del conto corrente ove afferisce pensione o stipendio - Limitazione del principio di confusione con il patrimonio mobiliare del debitore delle somme percepite a titolo di credito pensionistico o stipendiale
La giurisprudenza della Corte di cassazione ha più volte, in passato, affermato il principio secondo cui il divieto, stabilito dall'articolo 545 del codice di procedura civile, di pignoramento delle somme percepite a titolo di credito pensionistico o stipendiale in misura eccedente un quinto del loro importo, non opera quando le somme siano già state corrisposte all'avente diritto e si trovino confuse con il suo patrimonio mobiliare. Il principio, tuttavia, vale soltanto laddove non sia possibile individuare le somme provenienti dalla corresponsione di ratei pensionistici o stipendiali perché corrisposte da epoca imprecisata, sì che le stesse si sono irrimediabilmente confuse con ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su limiti 2020 di pignoramento di stipendio, pensione e conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Limiti 2020 di pignoramento di stipendio, pensione e conto corrente Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 28 Dicembre 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Massimiliano Paone 10 Febbraio 2020 at 21:22

    Quando si subisce un pignoramento presso terzi, nel caso del quinto dello stipendio, quando diventa esecutiva l’ ordinanza? Quando viene notificata al datore di lavoro dall’ufficiale giudiziario oppure basta che l’ordinanza l’ anticipi l’ ufficio legale del creditore informalmente via mail al datore di lavoro?

    • Ornella De Bellis 11 Febbraio 2020 at 10:35

      Il pignoramento presso terzi viene notificato contemporaneamente al debitore sottoposto ad azione esecutiva e al terzo: da quel momento il provvedimento è esecutivo.