tutela del debitore

Tutela del debitore e della sua privacy, difesa dai creditori – consigli

La prima parte del decreto legge - Capo I, articoli da 1 ad 11 - si occupa delle disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ed è dedicata alle definizioni generali ed, in particolare, all'individuazione della casistica e dei soggetti interessati al provvedimento ...

Legittimità iscrizione del debitore in centrale rischi

In riferimento all'articolo pubblicato in un post precedente, avente ad oggetto la recensione del libro di Giampaolo Luzzi dal titolo "Come non pagare i debiti e vivere felici . . .  un lettore, Yuri, commenta: Il libro l’ho acquistato e letto.  E’ una cosa del tutto nuova e mi viene difficile spiegare la genialata di ...

Accordo transattivo a saldo stralcio

L'avvocato Lorenza Pegoretti ci illustra in modo semplice, e comprensibile a tutti, quali sono gli obblighi delle Centrali Rischi nei confronti del cattivo pagatore censito a tutela della sua privacy.  Il cattivo pagatore deve essere informato circa le modalità del trattamento dei propri dati nelle Centrali ...

Composizione delle crisi da sovraindebitamento – Fallimento del debitore consumatore non professionista

Va innanzitutto chiarito che un imprenditore, per poter essere considerato "fallibile", deve possedere almeno uno dei seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ...

consolidamento ristrutturazione del debito

Ah, le rate di fine mese! Quante sono le famiglie italiane che mensilmente fanno i conti con i debiti da pagare? Il mutuo, l'automobile, ma anche il televisore o più banalmente l'ultima settimana di vacanza in montagna.  Piccoli e grandi prestiti che si sommano a fine mese in altrettanto piccole o grandi rate e interessi da pagare.  Chi almeno per una volta non si è lasciato tentare infatti da ...

Informazioni utili al debitore

La raccomandata A/R di diffida serve ad avvertire un soggetto che, se mettesse in pratica o continuasse a praticare determinate azioni, illegittime o indesiderate, ci si rivolgera’ all'autorita’ competente.  Esempi pratici: - continuano ad arrivare solleciti di pagamento quando avete gia’ provveduto o a ...

Opposizione al decreto ingiuntivo

Il creditore può rifiutare il pagamento di una pendenza, da parte del debitore, tramite assegno? Si, ma solo se sussiste un giustificato motivo.  Il creditore può rifiutare il pagamento del prezzo mediante assegni bancari, solo per giustificato motivo.  Tale giustificazione può risiedere nell’incertezza circa la provenienza dei titoli e nella difficoltà di verificarne la copertura degli ...

Prescrizione e decadenza dei debiti

Per la cartella esattoriale può intervenire una prescrizione quinquennale (prescrizione breve) ed una decennale (prescrizione lunga).  La Corte di Cassazione ha avuto modo di rilevare che la cartella di pagamento è un atto amministrativo che risulta privo dell'attitudine a modificare il termine di prescrizione  con la conseguenza che il precedente termine prescrizionale di cinque anni ...

Trust e fondo patrimoniale

Come noto, sui beni oggetto del fondo patrimoniale non è possibile agire con azioni esecutive; i beni conferiti al fondo patrimoniale rispondono solo per debiti contratti nell'interesse della famiglia.  L'azione revocatoria del fondo patrimoniale è diretta a tutelare il creditore rispetto agli atti del debitore di disposizione del proprio patrimonio.  Sono considerati soggetti all'azione ...

Successione donazione rinuncia eredità

Convivenza more uxorio: il beneficiario, il quale ha avuto in eredità l'immobile, non può cacciare dall'abitazione il convivente del deceduto.  L’azione di spoglio per riprendere possesso dell’appartamento è legittima, perché con la lunga relazione si crea un interesse che merita tutela.  La convivenza more uxorio, quale formazione sociale che dà vita ad un consorzio familiare, ...

Beni in comunione, in separazione e indivisi

La convivenza more uxorio è legata a doppio filo al concetto di famiglia di fatto.  Con l'espressione famiglia di fatto deve intendersi l'unione tra due persone, anche dello stesso sesso, che convivono come in un matrimonio.  La Corte d'Appello di Milano, infatti, ha esteso la nozione legale di conviventi more uxorio, comprendendovi anche le coppie omosessuali, per le quali deve valere, secondo i ...

Ti trovi nella sezione tutela del debitore

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Puoi seguirci anche sui social network