Regione Lombardia - Contributo di 6000 euro per acquisto o ristrutturazione prima casa

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Da mercoledì 3 giugno sarà possibile fruire di due importanti misure messe in campo dalla Regione Lombardia a sostegno delle famiglie che non riescono a pagare i canoni di affitto o che comprano (o ristrutturano)  la prima casa.

FONDO SOSTEGNO AFFITTI - Requisiti per l'accesso al contributo

Saranno circa 70.000 le famiglie che anche per il 2009 potranno beneficiare di un contributo che copre, a seconda del reddito ISEE-FSA (Fondo Sostegno Affitti)  del richiedente, dal 23 al 50% del canone mensile di locazione.

Vale e dire che, a seconda delle classi di appartenenza, i contributi annuali sono compresi fra un minimo di 250 e un massimo di 1.800 euro, determinati in funzione del canone di locazione, della situazione socio economica, dell'entità delle domande presentate e delle risorse finanziarie disponibili.

Per poter richiedere il contributo è necessario:

  1. essere  titolari di un contratto di locazione registrato, stipulato per unità immobiliare situata in Lombardia utilizzata come residenza e abitazione principale;
  2. essere  cittadino italiano o dell'Unione europea;
  3. se cittadino  di uno Stato extra UE essere  in possesso di carta di soggiorno o di permesso con validità almeno biennale ed esercitare una regolare attività. E' richiesta, sempre per cittadini extracomunitari, la residenza  da almeno dieci anni in Italia o da almeno cinque in Regione Lombardia;
  4. il reddito ISEE-FSA (appunto per il fondo sostegno affitti) non può essere superiore a 12.911 euro.

FONDO SOSTEGNO AFFITTI - modalità di presentazione delle domande

Le domande potranno essere presentate nel Comune dove è ubicata l'unità immobiliare e nei Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (CAAF) convenzionati con il Comune o la Regione.

Gli appositi "sportelli" rimarranno aperti da mercoledì 3 giugno, a martedì 15 settembre 2009.

ACQUISTO O RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA - Destinatari e requisiti per l'accesso al contributo

Importanti novità riguardano il 9° bando che prevede l'assegnazione di un contributo di 6.000 euro, una tantum a fondo perduto, per l'acquisto o la ristrutturazione della prima casa.

I destinatari sono tutte le tipologie di famiglie previste dalla legge regionale sulla famiglia, vale a dire:

  1. le giovani coppie - quelle sposate dopo il 1 gennaio 2007 o che si sposeranno entro il 28 febbraio 2010, e i cui componenti non abbiano compiuto 40 anni alla data di presentazione della domanda;
  2. le gestanti sole - donne gravide del primo figlio che siano nubili o prive del coniuge per separazione legale senza convivenza, divorzio o decesso;
  3. i genitori soli con uno o più figli minori a carico;
  4. e i nuclei famigliari con almeno tre figli, che presentino un reddito Isee non superiore a 35.000 euro.

Per poter accedere al contributo sarà necessario:

  1. aver rogitato tra il 1 gennaio 2007 e il 28 febbraio 2010;
  2. il valore dell'alloggio acquistato dovrà essere compreso tra 25.000 e 280.000 euro;
  3. il mutuo non potrà avere durata inferiore a 5 anni.

ACQUISTO O RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA - Modalità di presentazione delle domande

Il bando resterà aperto da domani 3 giugno al 31 luglio 2009 e le domande dovranno essere presentate ai Caaf.

I 47 milioni totali stanziati sono così ripartiti:

  • 35 milioni sono destinati alle giovani coppie;
  • 12 milioni alle altre tipologie di famiglie.

"Aiutare le famiglie con sussidi di questo tipo - spiega l'assessore alla Casa e Opere Pubbliche, Mario Scotti - diventa di anno in anno più importante perché è sotto gli occhi di tutti che sono sempre di più coloro per i quali la casa sta diventando un problema. In questo periodo di crisi economica quindi aiutiamo sia le famiglie più deboli a pagare l'affitto che quelle famiglie che hanno comprato casa a pagare le rate del mutuo".

"In Lombardia - conclude Formigoni - vogliamo invertire la rotta e lo facciamo adattando i bandi alle nuove esigenze. Ad esempio, per quanto riguarda il contributo per l'acquisto della prima casa, abbiamo modificato i requisiti in modo da offrire a più famiglie di nuova formazione, o già formate, la possibilità di accedere ad un finanziamento strategico per chi sceglie di fare un passo così importante per la vita di una famiglia".

2 giugno 2009 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Le ho tutte: single,non incinta e pure senza figli (di Bambocciona) » Laura Castelletti 28 aprile 2011 at 21:48

    [...] sul sito della Regione Lombardia ho trovato un bando per un finanziamento a fondo perduto per l'acquisto della prima casa; ero piacevolmente stupita, perché io la prima casa è da un pò che la sogno...allora vado [...]

1 15 16 17