Pagare assegni protestati

Il caso riguarda 3 assegni protestati (persona fisica) per difetto di provvista con data di levata Luglio e Settembre 2009.

Da quanto appreso dalle preziose informazioni disponibili su questo sito, corrisposto il pagamento degli assegni, è possibile richiedere la riabilitazione al Tribunale e successivamente la cancellazione dagli archivi.

Dunque, è ancora possibile pagare il debito? Qual è l'iter da seguire per il pagamento degli assegni?

E' sufficiente rivolgersi all'istituto bancario? Quali documenti è necessario possedere?

Devo rivolgermi alla Prefettura per il pagamento della sanzione amministrativa? Chi calcola gli interessi?

La sanzione amministrativa non sempre è irrorata. Se lo è stata, avrete ricevuto contestualmente tutta la documentazione e le istruzioni per effettuare il pagamento (in mancanza del quale a quest'ora potrebbe essere stata emessa una cartella esattoriale).

Ormai è troppo tardi per evitare l'iscrizione in CAI, pertanto non dovete più pagare la penale del 10%.

Per la riabilitazione faccio un copia e incolla:

Le condizioni per ottenere la riabilitazione sono le seguenti:

1. che il titolo protestato (assegno o cambiale) sia stato pagato.

2. che si possegga il titolo e la quietanza di pagamento

3. che sia trascorso più di un anno dalla data di levata del protesto.

A chi bisogna rivolgersi.

La miglior cosa è farsi assistere da un professionista (commercialista o avvocato), ma si può anche procedere autonomamente.

In tal caso bisogna rivolgersi

Al Tribunale della propria zona, sezione Volontaria Giurisdizione e alla Camera di Commercio.

I documenti da produrre:

1. Istanza al Presidente del Tribunale (in bollo)

2. Certificato dei protesti rilasciato dalla Camera di Commercio

3. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui si dichiara che a partire dalla data del certificato protesti fino a quella di presentazione non ha subito altri protesti.

4. Istanza al Presidente della CCIAA

5. titoli protestati con relative quietanze liberatorie

25 marzo 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Alesssandra 31 maggio 2011 at 12:16

    Salve, vi dico il mio problema, ho fatto un pagamento con un assegno di € 1.117,00 il quale è andato impagato perchè mi doveva entrare un bonifico e alla fine non è stato così, poi ho versamente della somma mancata ed è stato pagato con successo, ma purtroppo ho ricevuto la raccomandata ma non l'ho aperta subito ma bensì dopo tanto tempo... quando ormai erano passati i 60 giorni, penso di aver capito di essere stata segnalata al CAI ma vorrei sapere cosa devo fare per togliere questa segnalazione, a chi mi devo rivolgere e quanto tempo devo aspettare per poter tornare libera di segnalazioni?
    attendo una VS risposta
    Cordiali saluti.
    Ale

    • cocco bill 31 maggio 2011 at 15:45

      Ciao Alessandra. Il tuo quesito andrebbe riproposto nella sezione "debiti e sovraindebitamento" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrai inserire il tuo quesito e leggere la risposta degli esperti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.