Esenzione dall'obbligo di partecipazione alla spesa sanitaria

Sono esentati dall'obbligo di partecipazione alla spesa sanitaria per tutte le prestazioni erogate dal Servizio Sanitario nazionale:

  • gli invalidi civili con una riduzione della capacità lavorativa superiore a due terzi;
  • gli invalidi civili titolari di indennità di accompagnamento;
  • gli invalidi civili ultrasessantacinquenni con una percentuale di menomazione (attribuita, ai soli fini dell'assistenza sanitaria, dalla commissione medica) superiore a due terzi (66,6%).
  • I soggetti con percentuale di menomazione compresa tra un terzo e due terzi (tra il 33,3% e il 66,6%) viene riconosciuta l'assistenza protesica gratuita. Per percentuali inferiori l'esenzione è limitata alle prestazioni collegate alla patologia invalidante;
  • i ciechi civili totali o con residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione;
  • i sordi, dalla nascita o divenuti tali prima dell'apprendimento della lingua parlata.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su esenzione dall'obbligo di partecipazione alla spesa sanitaria. Clicca qui.

Stai leggendo Esenzione dall'obbligo di partecipazione alla spesa sanitaria Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 25 marzo 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali per i disabili ed agevolazioni ex legge 104 Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info