Quando ritieni di non dover pagare la cartella esattoriale: guida alla sospensione

Equitalia notica ai cittadini le cartelle per conto di vari enti creditori (Agenzia delle entrate, Inps, enti locali, ecc.).

Se ritieni di non dover pagare gli importi richiesti, puoi difendere le tue ragioni con facilità.

Grazie all'assistenza di Equitalia puoi chiedere di sospendere la riscossione e di avere risposta in tempi certi.

In quali casi puoi sospendere la riscossione

Puoi chiedere direttamente a noi la sospensione della riscossione degli importi indicati in una cartella, o in ogni altro atto noticato da Equitalia, se le somme richieste dall'ente creditore sono state interessate da:

  • pagamento effettuato prima della formazione del ruolo;
  • provvedimento di sgravio emesso dall'ente creditore;
  • prescrizione o decadenza intervenute prima della data in cui il ruolo è stato reso esecutivo;
  • sospensione amministrativa (dell'ente creditore) o giudiziale;
  • sentenza che abbia annullato in tutto o in parte la pretesa dell'ente creditore, emessa in un giudizio al quale Equitalia non ha preso parte.

Come e dove presentare la domanda

È suciente compilare il modulo, che trovi allo sportello o sul sito e spiegare i motivi per cui non devi pagare.

Alla richiesta va allegata la documentazione in tuo possesso, ad esempio la ricevuta che attesta il pagamento già avvenuto, il provvedimento di sgravio o la sentenza a te favorevole.

Puoi presentare la domanda allo sportello di Equitalia oppure online con il servizio "Sospensione" che trovi nell'area Cittadini o nell'area Imprese del sito internet.

In alternativa puoi inviare la richiesta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno ai recapiti che trovi indicati nella cartella, oppure via e-mail agli indirizzi indicati nel modulo.

Risposta in tempi certi dell'ente creditore

Ricevuta la domanda completa di tutta la documentazione, Equitalia sospende immediatamente l'attività di riscossione e chiede una verica all'ente creditore che dovrà darti un riscontro entro 220 giorni.

Nel frattempo la riscossione rimane sospesa.
Se i documenti inviati non sono idonei a dimostrare che il pagamento non è dovuto, l'ente creditore ti informa del rigetto della richiesta che hai presentato e comunica a Equitalia di riprendere le attività di riscossione.

La domanda non è reiterabile e va presentata, a pena di decadenza, entro 60 giorni da quando Equitalia ti ha notificato la cartella o altri atti di riscossione.

Nei casi di pagamento già effettuato, sgravio, prescrizione o decadenza, se entro 220 giorni non ricevi alcuna risposta dall'ente creditore, le somme richieste non saranno più dovute.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando ritieni di non dover pagare la cartella esattoriale: guida alla sospensione. Clicca qui.

Stai leggendo Quando ritieni di non dover pagare la cartella esattoriale: guida alla sospensione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 18 febbraio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 8 dicembre 2016 Classificato nella categoria autotutela sgravio rimborso sospensione rottamazione sanatoria condono della cartella esattoriale . Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info