Equitalia » cartelle pazze compensazione e mini sanatoria

Partendo dallo stop on line alle cartelle pazze, fino alla compensazione delle tasse dovute con i crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione, passando dalla mini sanatoria sugli interessi delle cartelle e alle 120 rate per rateizzare il debito nei confronti del Fisco, vi forniamo una sintesi delle procedure esattoriali di riscossione.

Equitalia, insieme al governo, negli ultimi mesi ha messo in campo una serie di misure che favoriscono la risoluzione, e comunque ne attenuano gli effetti, del contenzioso tra cittadini ed il fisco.

In molti casi si tratta di norme di buon senso che avrebbero dovuto essere approvate già molto tempo addietro, evitando, così, tanti insopportabili paradossi.

Pensiamo, ad esempio, a quanti fermi amministrativi sono state apposti per poche centinaia di euro di imposte non pagate o a quante imprese, pur vantando centinaia di migliaia di euro di crediti nei confronti dello Stato, hanno dovuto rinunciare a un appalto pubblico oppure a trovarsi costrette a chiudere i battenti perché irregolari con le scadenze tributarie.

È anche vero che il nostro Paese vanta il triste primato in Europa dell'evasione fiscale più elevata e che quindi un certo rigore, contro i furbetti, quelli veri, va sempre e comunque incoraggiato.

Comunque, al di là delle valutazioni generali, le novità apportate in questi mesi rappresentano degli aggiornamenti importanti per i contribuenti alle prese con l'erario.

Vediamole una per volta.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia » cartelle pazze compensazione e mini sanatoria.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.