Borsa di studio

Bonus irpef anche ai lavoratori in cig in mobilità e disoccupati

Giorgio Valli - 15 maggio 2014

Le somme percepite dai lavoratori a titolo di cassa integrazione guadagni, indennità di mobilità e indennità di disoccupazione costituiscono proventi conseguiti in sostituzione di redditi di lavoro dipendente e costituiscono redditi della stessa categoria di quelli sostituiti. Com'è noto, i percettori di dette somme hanno diritto alle detrazioni per lavoro [ ... leggi tutto » ]

Dichiarazione dei redditi - redditi esenti e rendite che non costituiscono reddito

Giorgio Valli - 24 aprile 2014

Sono esenti, cioè non costituiscono reddito, in quanto equiparate alle pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva (sent. numero 387 del 4-11 luglio 1989 della Corte Costituzionale): le pensioni tabellari spettanti per menomazioni subite durante il servizio di leva prestato in qualità di allievo ufficiale e/o di ufficiale di [ ... leggi tutto » ]

Irpef » detrarre le spese per l'affitto della casa - detrazione per affitti a canone non convenzionato

Giorgio Valli - 23 aprile 2014

È prevista una detrazione per chi sostiene le spese dell'affitto per la casa adibita a propria abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. In particolare, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale [ ... leggi tutto » ]

Assegno per il nucleo familiare » requisiti ed aggiornamenti

Gennaro Andele - 5 marzo 2014

L'assegno familiare è un contributo versato dall'INPS ai lavoratori dipendenti o ai pensionati, quando il reddito complessivo delle famiglia non supera determinati limiti stabiliti dalla legge. Vediamo come accedere a questo beneficio e quali sono i limiti reddituali. La domanda dell'assegno familiare Innanzitutto, la domanda per ottenere l'assegno deve essere [ ... leggi tutto » ]

Mantenimento » nessuna spesa straordinaria per il figlio specializzando

Giorgio Martini - 8 gennaio 2014

Dal padre separato o divorziato né mantenimento né spese straordinarie al figlio specializzando. Infatti, dopo il divorzio, il genitore onerato a versare l'assegno di mantenimento, e a contribuire al 50 per cento alle spese straordinarie nei confronti del figlio maggiorenne, deve essere sollevato da detti obblighi laddove il giovane consegua [ ... leggi tutto » ]

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca