Sinistro stradale provocato da minore » Ne risponde il maggiorenne

È il proprietario dell'auto, maggiorenne, a rispondere del sinistro provocato dal fratello minore che gli ha sottratto le chiavi. Insufficiente la custodia nel cassetto di un comodino in casa.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la pronuncia 16217/13, ha sancito che: Non sussiste la prova liberatoria di cui all'articolo 2054 Cc, consistente nel fatto che la circolazione del mezzo era avvenuta, non solo senza il suo consenso, ma contro la sua volontà, avendo egli adottato la diligenza e cautela nel conservare le chiavi dell'auto in un cassetto chiuso, così rendendole indisponibili per chiunque ed essendo egli lontano dal suo domicilio al momento dell'utilizzo dell'autovettura. Questo perché per integrare la prova liberatoria dalla presunzione di colpa stabilita dall'articolo 2054 Cc, non è sufficiente dimostrare che la circolazione del veicolo sia avvenuta senza il consenso del proprietario, ma è al contrario necessario che detta circolazione sia avvenuta contro la sua volontà, la quale deve estrinsecarsi in un concreto e idoneo comportamento specificamente inteso a vietare e impedire la circolazione del veicolo mediante l'adozione di cautele tali che la volontà del proprietario non possa risultare superata (nella specie, non risulta fornita la prova liberatoria visto che il ricorrente non ha specificato le modalità di custodia delle chiavi sottratte dal fratello e per non aver indicato, in corso di causa, i testi con cui dimostrare detta circostanza).

Pertanto, a parere dei Supremi giudici, in tema di sinistro stradale commesso dal conducente minorenne di un autoveicolo e quindi di responsabilità del proprietario maggiorenne, ai fini della prova liberatoria della presunzione di colpa è necessario dimostrare che la circolazione del mezzo sia avvenuta contro la propria volontà e non semplicemente senza il proprio consenso.

La Suprema Corte ha respinto il ricorso del titolare del veicolo contro la decisione della Corte d'appello di Potenza che lo ha condannato al pagamento di 36 mila euro all'assicurazione per indennizzare un pedone, investito dal fratello minorenne che si era impossessato della macchina.

La sesta sezione civile, in linea con la Corte di merito, ha ritenuto irrilevante che la circolazione dell'autoveicolo fosse avvenuta contro la sua volontà, (in quanto all'epoca dell'incidente egli non era convivente con il fratello minore poiché stava effettuando il servizio obbligatorio di leva) e che il minore aveva forzato il cassetto, dove le chiavi dell'auto erano custodite, per impossessarsene.

Insomma, per Piazza Cavour non sussiste la prova liberatoria di cui all'articolo 2054 Cc, consistente nel fatto che la circolazione del mezzo era avvenuta, non solo senza il suo consenso, ma contro la sua volontà, avendo egli adottato la diligenza e cautela nel conservare le chiavi dell'auto in un cassetto chiuso, così rendendole indisponibili per chiunque ed essendo egli lontano dal suo domicilio al momento dell'utilizzo dell'autovettura.

Questo perché per integrare la prova liberatoria dalla presunzione di colpa stabilita dall'articolo 2054 Cc, non è sufficiente dimostrare che la circolazione del veicolo sia avvenuta senza il consenso del proprietario, ma è al contrario necessario che detta circolazione sia avvenuta contro la sua volontà, la quale deve estrinsecarsi in un concreto e idoneo comportamento specificamente inteso a vietare e impedire la circolazione del veicolo mediante l'adozione di cautele tali che la volontà del proprietario non possa risultare superata.

Nel caso in esame, non risulta fornita la prova liberatoria visto che il ricorrente non ha specificato le modalità di custodia delle chiavi sottratte dal fratello e per non aver indicato, in corso di causa, i testi con cui dimostrare detta circostanza.

Per queste motivazioni, gli Ermellini hanno rigettato il ricorso e confermato la sentenza.

4 luglio 2013 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il proprietario del veicolo è coobbligato per le le violazioni al Cds e per i danni causati da terzi alla guida - A meno che ...
Le norme del Codice della strada estendono al proprietario del veicolo l'obbligo di pagamento delle sanzioni pecuniarie e del risarcimento danni per gli illeciti commessi da altri soggetti tramite quel veicolo. Si tratta di un'obbligazione a titolo solidale del proprietario del veicolo con l'effettivo autore della violazione. Lo stesso Codice ...
Circolazione su un veicolo sprovvisto di assicurazione rc auto? » Se è stata eseguita contro la volontà del proprietario ciò va dimostrato
Automezzo sprovvisto di assicurazione rc auto: se la circolazione è avvenuta, per mano di un terzo, contro la volontà dell'effettivo proprietario, ciò va di mostrato per evitare che quest'ultimo subisca sanzioni. Il titolare del mezzo non assicurato si presume sempre responsabile del suo utilizzo, fino a prova contraria. Egli non ...
Sinistro stradale » In tema di risarcimento danni il CID non è il vangelo
Sinistro stradale: nell'ambito della quantificazione del risarcimento danni, le dichiarazioni rese dai conducenti nella constatazione amichevole d'incidente (CID), non vanno prese come verità assolute. In tema di risarcimento del danno derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, con riferimento alla disciplina del modello di constatazione amichevole dell'incidente, le affermazioni confessorie ...
La presunzione del concorso di colpa dei conducenti in caso di sinistro fra veicoli
L'articolo 2054 comma 2 del codice civile prevede che nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli. Nel caso di scontro tra due veicoli si presume, fino a prova contraria, che ...
Sinistro stradale e Cid » Secondo la Cassazione la dichiarazione resa non vale come prova
Sinistro stradale - La dichiarazione resa nel Cid non vale come prova » Sentenza Cassazione La dichiarazione resa nel Cid non vale come prova neppure nei confronti del confitente. Infatti, se non è sottoscritto dalla compagnia assicuratrice non ha valore legale e va considerata la conclusione del Ctu. Lo ha ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sinistro stradale provocato da minore » ne risponde il maggiorenne. Clicca qui.

Stai leggendo Sinistro stradale provocato da minore » Ne risponde il maggiorenne Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 4 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca