Ruolo, estratto di ruolo e notifica della cartella esattoriale - Impariamo a conoscere gli aspetti peculiari che caratterizzano atti e procedure nel sistema di riscossione coattiva esattoriale

Ruolo

Nel sistema della riscossione coattiva a mezzo ruolo (disciplinata dall'articolo 49 del DPR 602/1973), il diritto di procedere all'esecuzione dell'agente della riscossione si fonda su un peculiare e caratterizzante titolo esecutivo, rappresentato dal ruolo.

Il ruolo non è altro che l'elenco dei debitori predisposto dall'ente creditore e trasmesso all'agente della riscossione, avente natura di titolo di formazione amministrativa, munito, per espressa volontà di legge, di idoneità esecutiva senza necessità di alcuna comunicazione o notifica al debitore.

Estratto di ruolo

L'estratto di ruolo costituisce, invece, la riproduzione del titolo esecutivo rappresentato dal ruolo, un documento che, (si veda articolo 25 DPR 602/1973), riporta i dati relativi al contribuente, alla natura ed importo delle pretese iscritte a ruolo, nonché la descrizione, il codice e l'anno di riferimento del tributo, l'anno di iscrizione a ruolo, la data di esecutività del ruolo, l'ente creditore.

L'estratto di ruolo, corredato della dichiarazione di conformità all'originale resa dall'agente della riscossione, integra idonea prova del credito.

Notifica della cartella esattoriale o di pagamento

La cartella esattoriale o di pagamento, infine, non è altro che la stampa dell'estratto di ruolo in unico originale, notificata alle parti che, redatta in conformità al relativo modello ministeriale, reca l'indicazione degli elementi identificativi della pretesa risultanti dall'estratto di ruolo.

Nel sistema della riscossione a mezzo ruolo, la notifica della cartella di pagamento assolve, in ambito esattoriale, le funzioni che nella espropriazione forzata ordinaria, in ambito civilistico, sono svolte dalla notifica del titolo esecutivo e del precetto.

Va qui ricordato che il titolo esecutivo altro non è che il documento attestante il diritto del creditore, in base al quale è possibile iniziare l'esecuzione forzata e che titoli esecutivi più comuni sono le sentenze, le scritture private autenticate (relativamente alle obbligazioni di somme di denaro in esse contenute) nonché le cambiali e gli assegni non pagati. Mentre il codice di procedura civile definisce il precetto come l'intimazione di adempiere l'obbligo risultante dal titolo esecutivo, entro un termine non minore di dieci giorni, con l'avvertimento che, in mancanza, si procederà ad esecuzione forzata e ricorda che il precetto diventa inefficace se nel termine di novanta giorni dalla sua notifica non è iniziata l'esecuzione.

Ne discende (articolo 25 DPR 602/1973) che la cartella esattoriale o di pagamento si risolve nell'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo, così come il precetto contiene l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal titolo esecutivo.

Anche in ambito esattoriale (sistema di riscossione mediante ruolo), l'intimazione risponde ad una duplice ratio: per un verso, offrire all'intimato debitore la possibilità dell'adempimento spontaneo dell'obbligazione nascente dal titolo esecutivo, evitando così gli effetti limitativi della disponibilità dei beni correlati al minacciato pignoramento; ancora, consentire, in via preventiva rispetto all'espropriazione, l'eventuale ricorso, da parte del debitore, ai rimedi di opposizione (ex articolo 615 o 617 del codice di procedura civile), finalizzati ad inibire l'azione esecutiva.

Notifica della cartella esattoriale e pignoramento

La notifica della cartella esattoriale, o di pagamento, configura, l'attività che deve precedere necessariamente il pignoramento eseguito (in una delle varie modalità stabilite dalla legislazione speciale) dall'agente della riscossione. In particolare (articolo 50 DPR 602/1973), il concessionario procede ad espropriazione forzata quando è inutilmente decorso il termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento. La cartella esattoriale o di pagamento costituisce, dunque, atto preliminare indefettibile nel pignoramento da parte dell'agente della riscossione.

Tuttavia, in tema di espropriazione forzata, presupposto dell'intervento dei creditori nella procedura è l'esistenza di un titolo esecutivo (costituito dal ruolo, per i crediti azionati dall'agente della riscossione), non la notifica di esso né la intimazione di un precetto (ovvero, per i crediti azionati dall'agente della riscossione, la notificà della cartella di pagamento). In altre parole, il debitore sottoposto ad azione esecutiva non può opporre l'omessa notifica della cartella esattoriale, o di pagamento, avverso l'intervento spiegato dall'agente della riscossione in una procedura di espropriazione ordinaria avviata da altri.

Quelli esposti in questo articolo sono, in sintesi, i principi di diritto enunciati, dai giudici della Corte di cassazione, nella sentenza 3012/2018.

20 febbraio 2018 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione ad un atto di pignoramento per cartella esattoriale affetta da vizi di notifica ed originata da crediti di natura tributaria
La normativa vigente stabilisce che l'opposizione al titolo esecutivo (cartella esattoriale o accertamento esecutivo) in relazione al diritto di procedere ad esecuzione forzata tributaria, si propone davanti al giudice tributario mentre le opposizioni all'esecuzione concernenti la pignorabilità dei beni si propongono davanti al giudice ordinario (ex articolo 615 del codice ...
Riscossione coattiva esattoriale e pignoramento - Opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi
Nella riscossione coattiva esattoriale si può impugnare la cartella di pagamento, regolarmente notificata, al fine di contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata per vizi sostanziali. In pratica per: contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito (omessa notifica dell'atto presupposto, cioè dell'avviso di addebito, del verbale ...
Estratto di ruolo - impugnabile se manca la notifica della cartella
La Cassazione, con ordinanza del 3 febbraio 2014 numero 2248, ha ribadito ancora una volta l'ammissibilità del ricorso tributario avverso l'estratto di ruolo, a condizione che la cartella non sia stata notificata (perchè in tal caso il ricorso deve essere proposto avverso la cartella, entro 60 giorni dalla notifica). La ...
Il debitore può impugnare la cartella esattoriale non validamente notificata e della quale sia venuto a conoscenza attraverso l'estratto di ruolo
Il ruolo, come noto, è l'elenco dei debitori e delle somme da essi dovute formato dagli uffici della Pubblica Amministrazione ai fini della riscossione a mezzo del concessionario: nei ruoli sono iscritte le imposte, le sanzioni e gli interessi. L'ufficio competente forma ruoli distinti per ciascuno degli ambiti territoriali in ...
Cartella esattoriale non validamente notificata - Può essere impugnato l'estratto di ruolo per eccepire anticipatamente l'intervenuta decadenza del potere di riscossione coattiva della Pubblica Amministrazione
E' ammissibile l'impugnazione della cartella che non sia stata validamente notificata e della quale il contribuente sia venuto a conoscenza attraverso l'estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario, senza che a ciò sia di ostacolo il disposto dell'ultima parte del terzo comma dell'articolo 19 del decreto legislativo 546/1992. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ruolo, estratto di ruolo e notifica della cartella esattoriale - impariamo a conoscere gli aspetti peculiari che caratterizzano atti e procedure nel sistema di riscossione coattiva esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo Ruolo, estratto di ruolo e notifica della cartella esattoriale - Impariamo a conoscere gli aspetti peculiari che caratterizzano atti e procedure nel sistema di riscossione coattiva esattoriale Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 20 febbraio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 14 marzo 2018 Classificato nella categoria cartelle esattoriali » mini guide Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca