Giovanni Napoletano

Giorno nuovo, truffa nuova: sono in corso in tutta Italia tentativi di truffa tramite e-mail che sfruttano il nome dell’Inps, l’Istituto nazionale di previdenza sociale, per svuotare i conti delle vittime.

A diffondere la segnalazione del raggiro è lo stesso Istituto, che ricorda ancora una volta di diffidare sempre di comunicazioni e messaggi che invitano a condividere dati personali.

Si tratta, anche in questo caso, di mail phishing che sfruttano il logo e il nome dell’Inps e del suo servizio clienti per imbastire presunte comunicazioni che richiedono l’invio di dati personali tramite un link presente nel messaggio.

L’obiettivo della falsa comunicazione sarebbe – si legge nel messaggio stesso – quello di ottenere il pagamento, tramite bonifico, di una somma da parte dell’Istituto stesso, che raccomanda a tutte le persone che hanno ricevuto la mail di non fare nulla. Sono metodi che vengono utilizzati per sottrarre in maniera fraudolenta dati anagrafici, dati relativi ai conti correnti o alle carte di credito degli iscritti all’istituto di previdenza.

Se per sbaglio si dovesse cliccare sul link contenuto nel messaggio, è necessario chiudere subito la nuova pagina internet che si è aperta e cancellare la mail dai propri dispositivi.

E, possibilmente, eliminarla anche dal cestino. L’Inps ricorda che tutte le informazioni sulla propria posizione personale presso l’Istituto sono consultabili dopo aver effettuato l’accesso al sito inps e che, per motivi di sicurezza degli utenti, l’Istituto non invia in nessuna circostanza comunicazioni di posta elettronica che contengono allegati da scaricare o link cliccabili. Attenzione, perciò, a qualsiasi messaggio simile.

L’Istituto ricorda anche che sono in corso tentativi di truffa che riguardano dei presunti “Bonus Covid”.

Chi volesse conoscere tutte le misure predisposte dall’Istituto, come da decreti del governo, per fronteggiare gli effetti economici e sociali dalla pandemia può visitare la sezione “Covid-19, tutti i servizi dell’Inps”. Da segnalare, infine, l’avvio della campagna “L’Inps abbatte le barriere comunicative”.

Si tratta di un progetto dedicato alle persone sorde e cieche, avviato dopo il riconoscimento, avvenuto il 19 maggio 2021, della Lingua Italiana dei Segni (LIS). Il progetto prevede la realizzazione di video-pillole informative sui servizi dell’Istituto, presentate da una “voce narrante” e tradotte nella lingua dei segni.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.