Roberto Petrella

Sia la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente che la successiva domanda finalizzata a percepire il reddito di cittadinanza (RDC) sono delle dichiarazioni rese dal richiedente il beneficio sotto la propria responsabilità penale e civile.

In poche parole il richiedente Reddito di Cittadinanza è responsabile delle informazioni contenute nella DSU/ISEE nonché nella domanda RDC. Il CAF fornisce solo assistenza per la compilazione e la trasmissione delle informazioni richieste non ha potere di controllo delle dichiarazioni unilaterali rese. E’ onere di colui che presenta la DSU/ISEE e, successivamente, la domanda per ottenere il reddito di cittadinanza, verificare che le informazioni trasmesse all’INPS siano veritiere.

L’INPS, come esplicitamente riportato nei moduli DSU/ISEE in quello per la richiesta del reddito di cittadinanza si riserva di effettuare controlli ai sensi dell’articolo 71 del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 445/2000.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.