Genny Manfredi

Per poter presentare ISEE per l’Università come nucleo familiare autonomo da quello dei propri genitori (autonomo, cioè nucleo familiare ISEEU formato solo da madre e bimbo) la studentessa deve possedere congiuntamente due requisiti, la residenza in appartamento diverso da quello in cui vivono i propri genitori e un reddito IRPEF percepito nel 2019 uguale o superiore a 6 mila e 500 euro.

Se è vero questo, è anche vero quanto affermato dal CAF e cioè che l’ISEE ordinario, su cui si basa l’eventuale diritto a percepire il reddito di cittadinanza e l’ISEE per l’Università, per l’accesso alle agevolazioni fiscali per la frequenza ai corsi universitari devono avere il medesimo valore se lo studente è autonomo dal nucleo familiare dei propri genitori.

In ogni caso, possiamo tranquillamente affermare che l’ISEE per l’Università non interferisce in alcun modo con il diritto dello studente a percepire il reddito di cittadinanza, anche qualora lo studente non risultasse autonomo e cioè con ISEE per l’università accresciuto da reddito e patrimonio del nucleo familiare di origine.

La tipologia di prestazione agevolata sociali a cui concorrere, determina il nucleo familiare di riferimento e quindi il protocollo della DSU/ISEE che deve essere preso in considerazione dalla Pubblica Amministrazione nel procedimento di analisi della DSU, di calcolo dell’ISEE e di accoglimento/rifiuto della richiesta presentata dal cittadino: per fare un esempio un soggetto di 31 anni che vive da solo può accedere al reddito di cittadinanza tramite DSU/ISEE ordinaria avendo nucleo familiare di riferimento composto esclusivamente da quel soggetto. Lo stesso soggetto, iscrivendosi all’università difficilmente potrebbe accedere alle prestazioni previste per gli studenti universitari con la DSU/ISEE per l’Università, dal momento che, nella fattispecie, il nucleo familiare di riferimento sarebbe composto dai genitori e dal figlio 31.enne, seppur non convivente con i propri genitori. Per avere qualche chance di accesso sostanziale ai benefici per l’Università i suoi genitori dovrebbero percepire un reddito bassissimo.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.