Andrea Ricciardi

Negli ultimi giorni il Consiglio dei Ministri si è riunito per porre un freno al caro bollette in arrivo per gas e luce: per questo motivo è stato approvato il Decreto-legge recante “Misure urgenti per il contenimento degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale e abrogazioni e modifiche di disposizioni di legge“.

Il Decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale come DL numero 130/2021.

Tra le misure approvate, il potenziamento del “bonus sociale elettrico“, che riguarda oltre 3 milioni di famiglie in difficoltà.

Per chi beneficia di questo bonus gli effetti dell’aumento delle bollette saranno sostanzialmente azzerati.

Per il quarto trimestre 2021, sono inoltre azzerate le aliquote relative agli oneri di sistema per 6 milioni di piccole e piccolissime imprese e 29 milioni di utenti domestici.

In questo caso si proverà a impedire un’impennata vertiginosa delle bollette elettriche ma l’aumento non verrà totalmente azzerato.

Situazione simile per quanto riguarda le bollette del gas: circa 2,5 milioni di famiglie che beneficiano del “bonus gas” non vedranno nel prossimo semestre un aumento della bolletta, mentre per tutti gli altri utenti l’Iva viene ridotta dal 10% (o dal 22% a seconda del consumo) al 5%.

La manovra mette sul piatto oltre 3 miliardi di euro.

Di questi, 450 milioni serviranno per potenziare il bonus bollette, mentre 700 milioni di euro verranno raccolti dall’asta delle quote di emissione di anidride carbonica. L’importo restante verrà trasferito alla cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) per la riduzione degli oneri di sistema delle bollette.

Nel 2021 sono cambiate le modalità di fruizione del bonus per le bollette. Se fino all’anno scorso occorreva presentare domanda al Comune di residenza e al CAF, da quest’anno il bonus scatta in automatico con la sola presentazione della DSU necessaria per ottenere l’attestazione ISEE.

Se il nucleo familiare che presenta la DSU avrà diritto al bonus, l’Inps comunicherà i dati in automatico al Sistema Informativo Integrato (SII). La riduzione delle bollette arriverà quindi in automatico per i nuclei in questione.

Possono beneficiare del bonus bollette i nuclei familiari:

  • con indicatore ISEE fino a 8.265 euro;
  • con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE fino a 20 mila euro;
  • titolari di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza;

Fruiscono inoltre delle riduzioni per le bollette elettriche gli utenti in gravi condizioni di salute, utilizzatori di apparecchiature elettromedicali.

Infine, uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve risultare titolare di una fornitura elettrica/gas/idrica per usi domestici attiva (o sospesa per morosità) o usufruire di una fornitura centralizzata gas/idrica attiva e per usi domestici.

È l’Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, a fornire indicazioni sulle modalità in cui il bonus bollette viene erogato, che cambiano a seconda del tipo di bonus e di fornitura. Nello specifico:

  • nel caso in cui uno dei componenti del nucleo sia intestatario di fornitura individuale, il bonus verrà erogato direttamente in bolletta;
  • nel caso in cui il nucleo familiare usufruisca di una fornitura centralizzata (condominiale) viene riconosciuto l’intero importo alla famiglia disagiata una volta l’anno.

In quest’ultimo caso, il pagamento dell’intero importo verrà erogato tramite bonifico domiciliato se si tratta del bonus gas, o tramite assegno circolare se si tratta del bonus acqua.

Per chi non è beneficiario dei bonus sociali per le bollette sono comunque previste delle misure per porre un freno al rincaro per questo ultimo trimestre del 2021. Senza interventi, le bollette aumenterebbero del 40% per l’elettricità e del 31% per il gas.

Come già anticipato, le misure pensate dal Governo e previste nel nuovo Decreto Energia sono:

  • azzeramento delle aliquote relative agli oneri generali di sistema, per le bollette elettriche;
  • riduzione dell’Iva al 5% e azzeramento degli oneri di sistema per le bollette del gas.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.