Marzia Ciunfrini

Ai sensi dell’articolo 543 del codice di procedura civile, il primo invito è finalizzato, qualora il tribunale competente fosse diverso dal luogo in cui risiede il debitore sottoposto ad azione esecutiva, a sollecitare quest’ultimo ad indicare il domicilio legale (nel circondario di giurisdizione) dove ricevere gli atti (tale domicilio può costituirsi anche presso la cancelleria del tribunale competente se non si vuole incaricare un avvocato). La dichiarazione serve ad impedire che l’ufficiale giudiziario, per notificare gli atti successivi, debba rivolgersi ad altro collega oppure scrivere all’estero con perdita di tempo e spreco di risorse finanziarie.

Il secondo invito, invece è finalizzato a conoscere i beni del debitore oltre a quelli detenuti dal terzo che non sono ancora noti al creditore procedente (casa di proprietà, conto corrente).


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.