Roberto Petrella

La normativa vigente prevede che le eventuali variazioni del patrimonio mobiliare vadano comunicate entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui è intervenuta la variazione, in occasione della presentazione della nuova DSU/ISEE. L’usufrutto di una casa in cui il beneficiario non risiede comporta, infatti, una variazione del patrimonio mobiliare.

Se, tuttavia, lei entro il 31 dicembre del 2021, sposterà la propria residenza nell’appartamento che le è stato concesso in usufrutto, ciò non comporterà alcuna variazione del patrimonio mobiliare per cui non sarà tenuto ad alcuna comunicazione all’INPS, ma solo la variazione di residenza nell’appartamento concesso in usufrutto dai figli.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.