Giovanni Napoletano

Se la carta di credito scade o viene cambiata è necessario comunicarlo tempestivamente all’operatore altrimenti a seguito di mancato pagamento è possibile che chiudano anticipatamente il contratto.

Tra l’altro se un contratto viene chiuso per questa ragione si rischia di vedersi appunto addebitate le penali per recesso anticipato e tutte le rate dei terminali che si stanno pagando a rate.

In ogni caso, prima di procedere al distacco, l’operatore deve avvisare, mandare un sollecito di pagamento (anche SMS) e a seguito, in caso di mancato saldo della fattura, inviare un preavviso di distacco.

Purtroppo accade spesso, però, che i consumatori si trovino con il telefono staccato senza preavviso!

In questi casi è necessario inviare un reclamo alla società (tramite pec o raccomandata A/R), comunicare tempestivamente il numero della nuova carta e chiedere il ripristino dei pagamenti.

Per evitare questi inconvenienti, il RID sarebbe la scelta più sicura, anche se d’altra parte va sempre controllato l’addebito per evitare i servizi non richiesti.

La soluzione potrebbe essere quella di impostare il RID, chiedere al proprio operatore il blocco dei servizi a sovrapprezzo e controllare con attenzione mensilmente l’estratto conto al fine di controllare il prelievo sul conto.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.