Piero Ciottoli

Non sussiste alcun obbligo di registrazione dell’atto di riduzione del canone: il locatore può comunicare la riduzione della base imponibile ai fini del calcolo delle imposte dirette (Irpef o cedolare secca) recandosi presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente, oppure inviando anche inviando il modello RLI, debitamente compilato tramite, Posta Elettronica Certificata.

Questo è il modello da utilizzare.

Infine, il locatore, avendone i requisiti, può anche chiedere un parziale rimborso (il 50%, fino ad un massimo di 1.200 euro) per la riduzione del canone di locazione eventualmente concessa nel 2021 all’inquilino in difficoltà per l’emergenza Coronavirus.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.