Piero Ciottoli

Così facendo posso mantenere la Residenza!? Sono validi tutti contratti o è previsto farlo solo con un tipo in particolare?

Come già accennato dal collega che mi ha preceduto, se vale la tipologia di contratto di locazione per l’intera unità abitativa, vale anche la stessa tipologia di contratto di locazione limitato a una parte specifica dell’appartamento.

Quando il soggetto conduttore titolare del contratto di locazione si presenta negli uffici anagrafici per formalizzare il proprio cambio di residenza, l’ufficiale di anagrafe è autorizzato a cancellare come irreperibili i precedenti occupanti ancora residenti nell’unità abitativa se, e solo se, chi chiede il trasferimento di residenza è titolare del contratto di locazione relativo all’intero appartamento.

Qualora, invece, il contratto di locazione si riferisca ad una parte ben definita dell’immobile, il conduttore che intende trasferire la propria residenza nell’appartamento locato deve esibire all’ufficiale di anagrafe il modulo ministeriale sottoscritto dal precedente occupante in cui quest’ultimo sottoscrive il proprio consenso acché il conduttore elegga anch’egli, come propria residenza, l’unità abitativa in cui è ubicata la cosa locata.

In passato le famiglie per far quadrare i bilanci locavano regolarmente a terzi una o più stanze della propria casa, lasciando i servizi in uso comune: si tratta di una pratica che sta riprendendo quota.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.