Carla Benvenuto

Avrà sicuramente modo di esporre le sue considerazioni ed i suoi calcoli sull’entità del debito residuo in sede di opposizione al decreto ingiuntivo che il creditore insoddisfatto le notificherà prima di procedere al pignoramento del rateo di pensione.

Come si può comprendere, è molto difficile che un creditore insoddisfatto risponda al debitore inadempiente in fase stragiudiziale dopo che sono state esperite azioni esecutive in Tribunale.

Potrebbe esserle utile, per una corretta ricostruzione del dare avere, partire dal decreto di assegnazione del giudice in occasione del pignoramento della retribuzione stipendiale. Sicuramente in quel documento c’è la cifra esatta del debito da saldare.

Attenzione anche alla differenza fra spettanze al netto di oneri fiscali e contributivi e quelle al lordo di tali voci. Ad esempio, la cifra di 32.900 euro potrebbe rappresentare il Trattamento di Fine Rapporto al lordo degli oneri fiscali dovuti, ed il prelievo di 4.300 euro corrispondere al 20% (al quinto) del TFR netto.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.