Andrea Ricciardi

Il problema si presenterà l’anno prossimo, ovvero nel 2022, in base all’importo del reddito complessivo percepito nel corso del 2021, non solo per l’attività di stagista, ma per qualsiasi altra attività di lavoro dipendente o autonoma svolta nel 2021.

Se quest’anno sarà svolta esclusivamente attività di lavoro dipendente, se il lavoratore dipendente possiede solo l’abitazione in cui risiede, se ha avuto nel 2021 un unico datore di lavoro, se in busta paga non è stato erogato il bonus IRPEF, se non ha coniuge e figli a carico (o avendoli li ha dichiarati al datore di lavoro all’inizio dell’attività), nel 2022 il contribuente non dovrà dichiarare i redditi percepiti nel 2021.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.