Giorgio Valli

La sua situazione è semplice, lineare ed affatto complicata: dovrà pagare tutte le cartelle esattoriali che le sono state notificate, anche se riconducibili ad una fuorviante assistenza fiscale e contributiva del suo consulente.

Poi, se vorrà, potrà citare in giudizio il suo consulente e chiedergli un congruo risarcimento danni.

In pratica, la legge non ammette ignoranza, nè entra nelle beghe fra contribuente e proprio commercialista di fiducia.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.