Giorgio Valli

Il contribuente ha la facoltà di compensare i debiti con i crediti risultanti dalla dichiarazione e dalle denunce periodiche nei confronti di Stato, INPS, Enti Locali, INAIL, ENPALS.

Allo scopo bisogna utilizzare il modello di pagamento unificato F24 che permette di scrivere in apposite sezioni sia gli importi a credito utilizzati sia gli importi a debito dovuti. Il pagamento si esegue per la differenza tra debiti e crediti, anche qualora essa risulti nulla.

Ad esempio il debito IRPEF può essere utilizzato per compensare crediti IVA (compensazione orizzontale) piuttosto che per diminuire il credito IRPEF (compensazione verticale). Il contribuente può avvalersi del tipo di compensazione che ritiene più indicata alle sue esigenze.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.