Ludmilla Karadzic

Gentile signora, davvero non so come abbiano potuto rinnovarle il prestito portandole la rata a 400 euro, sapendo che lei percepisce una pensione de 900 euro già gravata da cessione del quinto e con un prestito delega sospeso proprio in virtù del fatto che INPS non può trattenere oltre i 133 euro già destinati al rimborso del prestito dietro cessione del quinto. L’avidità e l’ingordigia dei creditori sono spesso incommensurabili, ma mi sa che stavolta sono davvero cascati male.

La sua pensione è attualmente impignorabile: forse un domani, quando suo marito percepirà un rateo pensionistico riusciranno (dal momento che il regime legale matrimoniale è di comunione dei beni) a prelevargli un quinto eccedente il minimo vitale, di importo mensile sicuramente di gran lunga inferiore ai 400 euro che dovrebbe pagare adesso.

Pertanto, stia tranquilla: sospenda ogni pagamento e dorma sonni tranquilli. Lei è in una botte di ferro, tecnicamente in default e i creditori dovranno farsene una ragione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.