Gennaro Andele

I pagamenti digitali da smartphone (Mobile Proximity Payment)o dal web, hanno registrato negli ultimi anniltre 70 milioni di transato, trainati anche dalla crescita dei servizi basati sul conto corrente, dall’arrivo di Apple Pay e dalla sempre maggiore diffusione di dispositivi che supportano i pagamenti mobile NFC, ovvero con tecnologia che permette l’azione semplicemente avvicinando lo smartphone a un dispositivo.

Tra falsi miti e legende metropolitane, gli utenti non sempre riescono a concepire un pagamento da smartphone come sicuro e per questo arrivano addirittura a rinunciare alla comodità di un mobile wallet, ossia di un comodo “portafoglio digitale”.

Ma nella sicurezza informatica, si sa, l’anello debole della catena è proprio l’utente e i suoi comportamenti poco consapevoli, attraverso i quali può esporsi ad inutili rischi.

Impostare un PIN/Password di accesso al telefono o una modalità di riconoscimento biometrico (come per esempio l’impronta digitale o il riconoscimento facciale), in modo da evitare un facile accesso da parte di altri in caso di smarrimento o furto.

Non comunicare ad altri il proprio PIN con cui si conclude il pagamento, non scriverlo nella rubrica del telefono o in un post-it in evidenza vicino allo smartphone magari lasciato incustodito sulla scrivania. Raccomandazione che non vale nel caso in cui per concludere il pagamento si utilizzi una modalità di riconoscimento biometrica (impronta digitale, iride o riconoscimento facciale).

In particolare per i possessori di telefono Android, non installare applicazioni non sicure, scaricate da store non ufficiali, che potrebbero richiedere l’accesso a dati che dovremmo invece tenere al sicuro.

Evitare di cliccare su link e/o allegati di dubbia provenienza che potrebbero infettare con virus o malware il tuo device consentendo l’accesso a informazioni riservate.

Diffidare delle wi-fi aperte (prive di password), soprattutto nel momento in cui non si riesce a risalire all’identità e affidabilità del gestore, per evitare di connettersi a reti create ad hoc per sottrarre i dati di chi si collega.

Con queste cinque semplici accortezze aumenta la sicurezza dei pagamenti con cellulare.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.