Piero Ciottoli

A suo tempo, evidentemente, lei, titolare di mutuo a tasso variabile, rinegoziò il contratto di prestito fruendo delle agevolazioni previste dalla legge Tremonti (legge 3/2008), ovvero: l’allungamento della durata residua dei mutuo fino al punto in cui la rata si riduceva sui livelli definiti dalla Convenzione; nonchè l’applicazione della formula di rimborso a rata fissa e durata variabile (il tasso restava variabile).

Rinunciando a questi benefici dovrà corrispondere la rata in dipendenza dei tassi variabili in corso senza alcuna calmierazione sull’importo della rata mensile. Ci pensi bene, prima di accettare.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.